BURY TOMORROW. BLACK FLAME. Titani del metalcore congiurano il sortilegio più fatale della necromanzia.

Bury Tomorrow Black Flame review, Bury Tomorrow latest album, Bury Tomorrow, Bury Tomorrow band, Bury Tomorrow metalcore band, Bury Tomorrow Black Flame, Bury Tomorrow Black Flame album, Bury Tomorrow Black Flame recensione, Bury Tomorrow Black Flame review, Listen to Bury Tomorrow Black Flame, Stream Bury Tomorrow Black Flame, Ascolta Bury Tomorrow Black Flame, metalcore albums 2018, metalcore bands, metalcore album, 2018 metalcore album review, Music For Nations, Music For Nations/Sony Music, sickandsound, metalcore, Daniel Winter Bates, Davyd Winter Bates, Adam Jackson, Kristan Dawson, Jason Cameron, The Sleep of the Innocents EP, On Waxed Wings EP, Portraits, The Union of Crowns, Runes, Earthbound, Black Flame, Bury Tomorrow Black Flame tracklist, No Less Violent, Adrenaline, Black Flame, My Revenge, More Than Mortal, Knife Of Gold, The Age, Stormbringer, Overcast, Peacekeeper, English metalcore bands

BURY TOMORROW.

Lineup e discografia

 

 

 

Sono al loro quinto album in studio ed emergono dalla scena metalcore Britannica. Sono i Bury Tomorrow da Southampton, che dal 2006 scalano la vetta del genere con l’accoppiata dei fratelli  Daniel Winter Bates e Davyd Winter Bates, rispettivamente cantante per distorsioni vocale e bassista, James Cameron alla voce melodica e chitarra ritmica, Kristan Dawson alla solista e il batterista Adam Jackson.

 

 

 

Bury Tomorrow lineup, Bury Tomorrow latest album, Bury Tomorrow, Bury Tomorrow band, Bury Tomorrow metalcore band, Bury Tomorrow Black Flame, Bury Tomorrow Black Flame album, Bury Tomorrow Black Flame recensione, Bury Tomorrow Black Flame review, Listen to Bury Tomorrow Black Flame, Stream Bury Tomorrow Black Flame, Ascolta Bury Tomorrow Black Flame, metalcore albums 2018, metalcore bands, metalcore album, 2018 metalcore album review, Music For Nations, Music For Nations/Sony Music, sickandsound, metalcore, Daniel Winter Bates, Davyd Winter Bates, Adam Jackson, Kristan Dawson, Jason Cameron, The Sleep of the Innocents EP, On Waxed Wings EP, Portraits, The Union of Crowns, Runes, Earthbound, Black Flame, Bury Tomorrow Black Flame tracklist, No Less Violent, Adrenaline, Black Flame, My Revenge, More Than Mortal, Knife Of Gold, The Age, Stormbringer, Overcast, Peacekeeper, English metalcore bands

 

 

 

Dicono che 7 sia il numero perfetto, e attraverso una progressione solida e stabile, i Bury Tomorrow sono cresciuti fino a contare 5 album in studio e 2 EP:  The Sleep of the Innocents EP del 2007, On Waxed Wings EP del 2010, Portraits del 2009, The Union of Crowns del 2012, Runes del 2014, Earthbound del 2016 e il nuovissimo Black Flame in uscita il 13 luglio 2018 tramite Music For Nations/Sony Music.

 

 

 

Bury Tomorrow metalcore band, Bury Tomorrow latest album, Bury Tomorrow, Bury Tomorrow band, Bury Tomorrow metalcore band, Bury Tomorrow Black Flame, Bury Tomorrow Black Flame album, Bury Tomorrow Black Flame recensione, Bury Tomorrow Black Flame review, Listen to Bury Tomorrow Black Flame, Stream Bury Tomorrow Black Flame, Ascolta Bury Tomorrow Black Flame, metalcore albums 2018, metalcore bands, metalcore album, 2018 metalcore album review, Music For Nations, Music For Nations/Sony Music, sickandsound, metalcore, Daniel Winter Bates, Davyd Winter Bates, Adam Jackson, Kristan Dawson, Jason Cameron, The Sleep of the Innocents EP, On Waxed Wings EP, Portraits, The Union of Crowns, Runes, Earthbound, Black Flame, Bury Tomorrow Black Flame tracklist, No Less Violent, Adrenaline, Black Flame, My Revenge, More Than Mortal, Knife Of Gold, The Age, Stormbringer, Overcast, Peacekeeper, English metalcore bands

 

 

 

 

BURY TOMORROW. BLACK FLAME.

Overview

 

 

 

Bury Tomorrow Black Flame , Bury Tomorrow latest album, Bury Tomorrow, Bury Tomorrow band, Bury Tomorrow metalcore band, Bury Tomorrow Black Flame, Bury Tomorrow Black Flame album, Bury Tomorrow Black Flame recensione, Bury Tomorrow Black Flame review, Listen to Bury Tomorrow Black Flame, Stream Bury Tomorrow Black Flame, Ascolta Bury Tomorrow Black Flame, metalcore albums 2018, metalcore bands, metalcore album, 2018 metalcore album review, Music For Nations, Music For Nations/Sony Music, sickandsound, metalcore, Daniel Winter Bates, Davyd Winter Bates, Adam Jackson, Kristan Dawson, Jason Cameron, The Sleep of the Innocents EP, On Waxed Wings EP, Portraits, The Union of Crowns, Runes, Earthbound, Black Flame, Bury Tomorrow Black Flame tracklist, No Less Violent, Adrenaline, Black Flame, My Revenge, More Than Mortal, Knife Of Gold, The Age, Stormbringer, Overcast, Peacekeeper, English metalcore bandsIn un panorama affollato su tutto il globo come quello del metalcore, soltanto alcuni riescono veramente a fuoriuscire dal fitto groviglio di band che schiaffano un heavy riffing, break down massicci, bassi plumbei e una varietà di distorsioni vocali nella propria formula. Alcuni hanno trovato una manifattura unica del suono, che gli ha consentito di brillare di luce propria, chi adottando varianti melodiche, chi progressive. Restando fedeli al genere di appartenenza, i Bury Tomorrow hanno plasmato un sound raro, e hanno toccato l’apice della gloria nell’ultimo lavoro, Black Flame. Dieci tracce tutte differenti, ricche, dinamiche e creative alla stregua di un metalcore pesante e impetuoso fra le cui intercapedini si infiltrano il sintetizzato e il melodico. La combinazione delle due varianti vocali, è veramente perfetta. Il pulito usato in larga parte per ritornelli mastodontici, adempie in pieno la capacità di supportare la memorabilità e orecchiabilità degli stessi. Una produzione impeccabile tira a lucido un disco fatto di un groviglio di corde e una combinazione ad orologeria di bassi e percussioni, ma, e soprattutto fantasiose sequenze di chiusura e ritornelli da rock arena, fantastici nel coinvolgimento.

 

 

 

 

BURY TOMORROW. BLACK FLAME.

 

Track by track review.

 

 

 

 

Black Flame è un disco fantastico che ho adorato fin dalla prima traccia, un’apertura non meno violenta del metalcore che mi aspettavo appunto: No Less Violent. Un pezzo che si costruisce intorno al synth dall’attacco alla conclusione, a partire dagli effetti introduttori al brano. Stregati, strappano letteralmente l’attenzione prima di scoppiare su una sezione esplosiva sulla scia dei migliori Parkway Drive. Risentitevi la precisione pulita dei blast beats. Tra la testa e la coda del pezzo sono stagliate chitarre livellate, intrecciate a tonanti bassi evidenti nelle sezioni in cui lo strumentale placa l’aspetto incendiario. Le double vocals si alternano tra growl ultra laceranti e tirannici e una timbrica in pulito ultra corposa e delineata. Tra gli istanti di mosh pit suscitato inesorabilmente, si apre lo spazioso ritornello ricantabile sin dalla ripetizione numero uno. Un gran bel mastodonte del metalcore. L’output sonoro dei Bury Tomorrow è in vetrina sin da subito e senza mezze misure.

 

Ascolta la release audio ufficiale di Bury Tomorrow – No Less Violent:

 

 

L’adrenalina trova libero sfogo nella seconda Adrenaline dove il mosh fest seguita sulla selvaggia di chitarre ignoranti (con gustoso assolo!) e una corsa a doppio pedale di percussioni. Giusto per ricordare all’udito che cosa sono i break down metalcore più riusciti, basta scorrere al minuto 2,14 dove si aprono voragini strumentali sulla doppietta batteria-chitarra stoppatissima che sono perfettamente aderenti l’una all’altra prima del pandemonio finale.

 

I Bury Tomorrow fanno bella mostra di chitarre nella titletrack Black Flame dove il lavoro è intricato e altamente estetico tra assoli e intersezioni melodiche stupefacenti. Si tratta di un riffing molto tecnico che si beve il gradimento totale all’ascolto. Nel largo utilizzo della voce pulita, ho avuto qui occasione di ritrovare un elemento familiare nella timbrica, che sembra simile a quella del cantante Paul McCoy, degli storici 12 Stones. Black Flame accoglie un ritornello da rock arena che, ad occhi chiusi si vede dilagare sulla folla in versione dal vivo, maestoso e imponente richiama il ricantato con una veste hard rock, discostandosi da un ritornello metalcore tout court. Quando parlavo di sezioni di chiusura inconsuete nella panoramica al disco, intendevo quello che troverete in questo pezzo. Una coda sintetizzata e una chiusura più che creativa, degna dei migliori scenari cinematografici tra l’atmosferico e il tensorio.

 

Guarda il video ufficiale di Bury Tomorrow – Black Flame:

 

 

La cosa che si nota da questi pezzi è la dinamicità, sono tutti differenti e ricchi, ciascuno a modo suo, unici. Un chitarra in solitaria è portabandiera di My Revenge, la cui introduzione è anche conduttrice del catchy chorus del brano in voce pulita e degna presenza. Ricorda incredibilmente gli Stone Sour nell’intro. Sono i growl successivi a dare un valore aggiunto alla linea vocale del brano con le distorsioni punitive di Daniel Winter Bates. Un pezzo carico di potenza ed energia, dovutamente al vigoroso lavoro di pelli che incalza regolare e battente e ai passaggi di ritmica nevrotica. Dal terzo minuto tanto di cappello al lavoro di basso che in primo piano stabilisce un tappeto ritmico alla chitarra in gloria solista. Si chiude sfumando in scivolamento alla successiva More Than Mortal. Ed è cosi, scivola davvero in questa traccia, perché il riffing rapido e in palm muting è molto simile. Ripropone la stessa tipologia di ritornello. Rispetto alla precedente, riserva però una dose di ferocia e brutalità supplementari. Le harsh vocals sono strabordanti di ostilità qui, fra laceranti mid range growls e low range growls, parallelamente carica alla linea vocale pulita che è cantata a pieni polmoni. La chiusura del brano è fantasiosa e inaspettata quanto le chicche lanciate in precedenza, su sintetizzato e dosi a spreco di atmosfera.

 

 

 Bury Tomorrow - No Less Violent, Bury Tomorrow latest album, Bury Tomorrow, Bury Tomorrow band, Bury Tomorrow metalcore band, Bury Tomorrow Black Flame, Bury Tomorrow Black Flame album, Bury Tomorrow Black Flame recensione, Bury Tomorrow Black Flame review, Listen to Bury Tomorrow Black Flame, Stream Bury Tomorrow Black Flame, Ascolta Bury Tomorrow Black Flame, metalcore albums 2018, metalcore bands, metalcore album, 2018 metalcore album review, Music For Nations, Music For Nations/Sony Music, sickandsound, metalcore, Daniel Winter Bates, Davyd Winter Bates, Adam Jackson, Kristan Dawson, Jason Cameron, The Sleep of the Innocents EP, On Waxed Wings EP, Portraits, The Union of Crowns, Runes, Earthbound, Black Flame, Bury Tomorrow Black Flame tracklist, No Less Violent, Adrenaline, Black Flame, My Revenge, More Than Mortal, Knife Of Gold, The Age, Stormbringer, Overcast, Peacekeeper, English metalcore bands

 

 

Spazio alla creatività e a un primordial scream per Knife Of Gold. Un brano che perpetra un massacro sonoro dotato di un’incredibile orecchiabilità. L’headbanging insaziabile fa sbattere la testa sulla congiunzione di chitarra stoppata e fulminanti percussioni, che sussultano stabilendo il perfetto tappeto ritmico che lo favorisce. Knife Of Gold è uno dei brani d’assalto del disco, frustato con impeto e fervore da magistrali distorsioni in caduta libera dal medio al gutturale e passaggi al pulito volutamente disconnessi a spezzare la strumentazione caustica con la firma melodica tipica dei Bury Tomorrow.

 

Guarda il video ufficiale di Bury Tomorrow – Knife Of Gold:

 

 

Da Black Flame emerge un sound maturo e molto ben plasmato, alla ricerca dell’elemento migliore perché ciascuna traccia lasci un impressione diversa. Il riffing in delay in ingresso per The Age assolve allo stesso scopo. Una stand out track senza dubbio fatta di lead di chitarra magniloquenti e una potentissima veste da stadio. Momenti di frenesia distorta delle corde vocali si saziano sull’anthemic chorus dove le elettriche sono in splendore insieme all’auriga del carro, James Cameron e i suoi fraseggi in cantato melodico.

 

Guarda il video ufficiale di Bury Tomorrow – The Age:

 

 

Nella selezione non poteva mancare la traccia da pogo: Stormbringer. Follia incendiaria corre pestando sul pedale dell’acceleratore oltre ogni grazia di Dio. Una corsa irrefrenabile di ritmica e chitarre vortica intorno ai passaggi che picchiano come dannati specialmente nei blast beats. Un ignorante lavoro di corde fine e grosse fa si che il brano si annoveri fra i ricordi più infernali di Black Flame.

 

Il discorso seguita addentrandosi anche nel componimento carico di inquietudine e di tutti quegli elementi che contribuiscono a tenere l’attenzione alta nel drammatico di un pezzo: Overcast. Il pandemonio trova una collocazione equilibrata in questa traccia, scoprendo la bellezza di un caos ordinato per il quale il metalcore esce dalla cornice convenzionale. Si svolge su un tempo rallentato rispetto alla veemenza delle precedenti e sceglie la schiera dell’orecchiabilità e accessibilità. A mio parere il ritornello conferisce un abito alternative metal all’arrangiamento, in addizione ai monumentali break down e allo sferragliamento del brano. C’è qualcosa di Stone Sour anche in questo brano e ci si cala al top. La formula di conclusione sospesa è trasferita anche qui nell’outro su synth e sola batteria.

 

 

 

Bury Tomorrow Black Flame review, Bury Tomorrow latest album, Bury Tomorrow, Bury Tomorrow band, Bury Tomorrow metalcore band, Bury Tomorrow Black Flame, Bury Tomorrow Black Flame album, Bury Tomorrow Black Flame recensione, Bury Tomorrow Black Flame review, Listen to Bury Tomorrow Black Flame, Stream Bury Tomorrow Black Flame, Ascolta Bury Tomorrow Black Flame, metalcore albums 2018, metalcore bands, metalcore album, 2018 metalcore album review, Music For Nations, Music For Nations/Sony Music, sickandsound, metalcore, Daniel Winter Bates, Davyd Winter Bates, Adam Jackson, Kristan Dawson, Jason Cameron, The Sleep of the Innocents EP, On Waxed Wings EP, Portraits, The Union of Crowns, Runes, Earthbound, Black Flame, Bury Tomorrow Black Flame tracklist, No Less Violent, Adrenaline, Black Flame, My Revenge, More Than Mortal, Knife Of Gold, The Age, Stormbringer, Overcast, Peacekeeper, English metalcore bands

 

 

 

Non si chiude un disco senza proporre il meglio del proprio output sonoro. Con un approccio più intimo all’aspetto melodico del metalcore, i Bury Tomorrow offrono il meglio degli elementi portanti della propria musica, disciogliendo armonia e fascino in Peacekeeper . Una traccia bellissima e dotata di un bridge soffice fra l’arpeggio e la delicatezza di percussioni dal minuto 2,22 che avvolge l’ascolto col suo allure incantevole. La potenza si fonde all’emozione proprio in chiusura.

 

Black Flame è un album stupefacente, dal tiro micidiale dalla prima all’ultima traccia.  Il lavoro migliore in assoluto di una band, che si conferma meritevole di essere valorizzata sull’Olimpo dei titani del metalcore. BURY TOMORROW.

 

 

Rating: 10+ /10

 

Brani suggeriti: No Less Violent, Black Flame, My Revenge, Knife Of Gold, The Age, Peacekeeper

 

 

 

Tracklist completa per Bury Tomorrow – Black Flame:

 

1. No Less Violent

2. Adrenaline

3. Black Flame

4. My Revenge

5. More Than Mortal

6. Knife Of Gold

7. The Age

8. Stormbringer

9. Overcast

10. Peacekeeper

 

 

 

 

Per tutte le recensioni sui nuovi album di SICK AND SOUND:

www.sickandsound.it/category/albums

 

Per tutte le recensioni sui concerti di SICK AND SOUND:

www.sickandsound.it/category/concerts

 

Per tutte le interviste disponibili su SICK AND SOUND:

www.sickandsound.it/category/interviews

 

 

 

Bury Tomorrow Black Flame , Bury Tomorrow latest album, Bury Tomorrow, Bury Tomorrow band, Bury Tomorrow metalcore band, Bury Tomorrow Black Flame, Bury Tomorrow Black Flame album, Bury Tomorrow Black Flame recensione, Bury Tomorrow Black Flame review, Listen to Bury Tomorrow Black Flame, Stream Bury Tomorrow Black Flame, Ascolta Bury Tomorrow Black Flame, metalcore albums 2018, metalcore bands, metalcore album, 2018 metalcore album review, Music For Nations, Music For Nations/Sony Music, sickandsound, metalcore, Daniel Winter Bates, Davyd Winter Bates, Adam Jackson, Kristan Dawson, Jason Cameron, The Sleep of the Innocents EP, On Waxed Wings EP, Portraits, The Union of Crowns, Runes, Earthbound, Black Flame, Bury Tomorrow Black Flame tracklist, No Less Violent, Adrenaline, Black Flame, My Revenge, More Than Mortal, Knife Of Gold, The Age, Stormbringer, Overcast, Peacekeeper, English metalcore bands

 

 

 

www.bury-tomorrow.com

www.facebook.com/BuryTomorrow

www.twitter.com/burytomorrow

www.instagram.com/burytomorrow

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: COPY DENIED! Copyright protected ©sickandsound