CARNIFEX: sinfonie di distruzione e spietata brutalità nel settimo album WORLD WAR X.

Carnifex World War X recensione, Carnifex, Carnifex band, Carnifex deathcore band, Carnifex featuring Alissa White-Gluz, Nuclear Blast, Scott Ian Lewis, Shawn Cameron, Jordan Lockrey, Cory Arford, Fred Calderon, Carnifex interview, interview with Carnifex, sickandsound, deathcore interviews, deathcore 2019, deathcore bands, deathcore albums, Carnifex new album, new deathcore releses August 2019, new deathcore albums August 2019, nuovi album deathcore agosto 2019, nuove uscite deathcore, Carnifex World War X, Carnifex World War X album, Listen to Carnifex World War X, Stream Carnifex World War X, Carnifex World War X tracklist, Carnifex lineup, Ascolta Carnifex World War X, deathcore, death metal, The Summer Slaughter Tour, World War X, Visions of the End, This Infernal Darkness, Eyes of the Executioner, No Light Shall Save Us (feat. Alissa White-Gluz), All Roads Lead to Hell (feat. Angel Vivaldi), Brushed by the Wings of Demons, Hail Hellfire, By Shadows Thine Held, CarnifexMetal, interviste deathcore, recensioni deathcore, Carnifex World War X recensione, Carnifex World War X review, Carnifex World War X rating

CARNIFEX e il settimo album WORLD WAR X

 

 

 

 

 

Dopo aver pubblicato il singolo No Light Shall Save Us con la collaborazione di Alissa White-Gluz dagli Arch Enemy a giugno, i CARNIFEX, leggendaria band deathcore californiana, hanno dato un assaggio del settimo album in studio WORLD WAR X pubblicato il 2 agosto 2019 tramite Nuclear Blast. La band fa parte della triade d’oro del deathcore statunitense, accanto ai Thy Art Is Murder che hanno aperto la stagione delle release di fuoco lo scorso 26 luglio col nuovo Human Target e che troverà seguito col nuovo dei Fit For An Autopsy The Sea of Tragic Beasts ad ottobre.

 

 

 

 

Da quando si sono formati a San Diego nel 2005, i Carnifex hanno subito una serie di cambi di lineup fino a quella che oggi schiera Scott Ian Lewis, Shawn Cameron, Jordan Lockrey, Cory Arford e Fred Calderon, riflettendo specularmente il rifiuto di collocarsi strettamente nel perimetro blindato del deathcore rispetto ai propri contemporanei. Con un logo che, aggrovigliato com’è, riflette il grado di heaviness della formazione, l’aspetto blackened dei Carnifex emerge da questa nuova offerta, distopico e oscuro inquadrato in una cornice di un assedio spietato di cui l’arma più potente continua ad essere un mastodontico Scott Ian Lewis alla linea vocale. Un disco apocalittico corroborato  da orchestrazioni sinfoniche decadenti e drammatiche.

 

 

 

Carnifex, Carnifex band, Carnifex deathcore band, Carnifex featuring Alissa White-Gluz, Nuclear Blast, Scott Ian Lewis, Shawn Cameron, Jordan Lockrey, Cory Arford, Fred Calderon, Carnifex interview, interview with Carnifex, sickandsound, deathcore interviews, deathcore 2019, deathcore bands, deathcore albums, Carnifex new album, new deathcore releses August 2019, new deathcore albums August 2019, nuovi album deathcore agosto 2019, nuove uscite deathcore, Carnifex World War X, Carnifex World War X album, Listen to Carnifex World War X, Stream Carnifex World War X, Carnifex World War X tracklist, Carnifex lineup, Ascolta Carnifex World War X, deathcore, death metal, The Summer Slaughter Tour, World War X, Visions of the End, This Infernal Darkness, Eyes of the Executioner, No Light Shall Save Us (feat. Alissa White-Gluz), All Roads Lead to Hell (feat. Angel Vivaldi), Brushed by the Wings of Demons, Hail Hellfire, By Shadows Thine Held, CarnifexMetal, interviste deathcore, recensioni deathcore, Carnifex World War X recensione, Carnifex World War X review, Carnifex World War X rating

 

 

 

Abbiamo avuto l’occasione di fare due chiacchiere con Scott per discutere il processo creativo del nuovo album, la collaborazione con Alissa White-Gluz, la scena deathcore, le ispirazioni tematiche e il The Summer Slaughter Tour. Per l’intervista di SICK AND SOUND con i Carnifex: www.sickandsound.it/interview-carnifex-on-the-writing-process-and-the-allegory-behind-their-7th-album-world-war-x-featuring-alissa-white-gluz-the-heavy-scene-and-more.

 

 

 

CARNIFEX. WORLD WAR X.

Track by track review

 

 

 

 

Per il settimo lavoro il filo conduttore tematico è la guerra, filtro di una serie di storie individuali e collettive, morte, distruzione e degrado umano. Sono argomenti discussi in modo allegorico e satirico che ritrae il parallelo tra l’essere in prima linea nella lotta contro un inferno nemico che mira a distruggere l’essere umano e quella contro i propri meccanismi interiori deteriorati.

 

 

 

 

Il disco attacca proprio dalla title-track World War X a cui si accede a partire dalle sonorità di una marcia di soldati, crivellazione di colpi ed elicotteri in lontananza. Il lato oscuro dei Carnifex si cala in uno scenario distruttivo con un istante di sinfonico, fanfara della bomba in esplosione. Il blackened entra trionfale sul tappeto ritmico esagitato e sul groviglio di corde, vocali ed elettriche con una dose di atmosferico tetro nel backdrop.

 

Guarda il video ufficiale di Carnifex – World War X:

 

 

Se l’attacco non ha descritto abbastanza l’apocalissi dell’intero disco, Visions of the End soffia benzina sulle fiamme dell’inferno tra le sue accelerazioni da nervosi da doppio pedale e rallentamenti da giorno del giudizio. I momenti di regolarità regalano una forma di groove da true headbangers, visibili specialmente sul ritornello con una dose di buon gusto e assolo virtuoso.

 

This Infernal Darkness intreccia la linea vocale su livellate distorsioni notevoli, all’interno di una matassa nera che vede un mastodonte del genere come Scott Ian Lewis passare da growl medi, gutturali al KVLT screaming tipico del black metal in transizione liquida. Colpi di cassa e rullante degni della mitragliatrice più polverizzante del ventesimo secolo, la traccia ringhia e aggredisce senza pietà con un inatteso e scioccante interludio di pianoforte e sinfonie dal minuto 3,10. Pausa di riflessione di un discorso interiore dispiegato sull’intero disco, è concessa solo per leccarsi le ferite prima di un nuovo massacro.

 

 

 

 

Se la brutalità dei Carnifex non conosce limiti, questo è tanto manifesto in un pezzo cupo come Eyes of the Executioner. Il gutturale del low growl azzanna, mastica e tritura per poi inghiottire dentro al boato dei chitarroni che l’accompagnano con percussioni puniche. La tecnica magistrale favorisce l’aderenza della sezione ritmica al riffing serrato e massiccio, lasciando emergere anche un assolo senza spegnerne la brutalità di un solo decibel.

 

Una bestia che vale la pena menzionare per diversità è No Light Shall Save Us, il brano che vede la collaborazione alla linea vocale di Alissa White-Gluz. Con breve attacco reminiscente di sludge e di regine della darkwave come Chelsea Wolfe, lascia subito spazio ad elementi dinamici che la rendono una stand-out track. La doppia linea vocale maschile e femminile trova una sintonia unica all’interno di un arrangiamento fatto di melodie di tastiera e sinfonici epici, giustapposizione di luce e oscurità tra la distorsione vocale più agghiacciante e lo spiazzante melodico pulito. Se non avete visto il video e non siete familiari con le harsh vocals di Alissa, non immaginerete minimamente che provengano da una donna. Il tormento in primo piano è trapassato da sottili linee di melodeath che hanno tutto da regalare al brano.

 

Guarda il video ufficiale di Carnifex – No Light Shall Save Us feat. Alissa White-Gluz :

 

 

In doppietta un altro featuring col talentuoso chitarrista Angel Vivaldi per All Roads Lead to Hell, protagonista di assoli da capogiro e un eccellente mestiere di frenesia da tastiera e non solo. L’elettrica è quella che riversa nel ritornello un fascino stregato e che viene isolata all’ascolto. È un pezzo fantastico per il groove che ne fa da traino e per i prepotenti breakdown spacca arrangiamento, adorazione di ogni amante del deathcore.

 

In quanto a tracce incendiarie con elettrica sotto ai riflettori anche la successiva Brushed by the Wings of Demons. Bussa martellante, percuote sulla batteria in full blast punitivo e sulla cattiveria vocale. Linee di chitarra melliflue e dotate di un’armonia dannata quanto il titolo, sono calate all’interno delle intercapedini di una corazza strumentale blindata. Dopo  il secondo minuto a spezzare a metà il brano ci pensa un assolo stupefacente, seguito da tutta una sezione di cui è protagonista la chitarra melodica con backdrop arpeggiato dalla gemella di corde. Spettrale ed evanescente sul synth, aggancia l’attenzione e il ricantato sul ritornello.

 

 

 

 

Ritorna la formula da breakdown abissali nella penultima Hail Hellfire, dotata di una velocità nevrotica e di un lavoro brillante di blast beats accoppiati a un riffing serratissimo. Bassi intensi e profondi sono regolati dal forte uso di down tuned sull’elettrica e un basso ignorante. Con una serie di effetti che richiamano sirene da assalto, riversa il nero della pece bollente sull’ascoltatore.

 

La chiusura di questa settima offerta dei Carnifex è un grand finale. By Shadows Thine Held arriva sulla sulla nota più aspra e dissonante del disco chiudendo il cerchio di un album blindato e compatto nell’assalto sonoro avanzato.

 

 

 

 

World War X è un album circoscritto non tanto nel singolo genere quanto nella parola “massacro”. Con dinamismo sinfonico e di elettriche, quanto nelle rare parvenze melodiche è un’offerta complessa e tetra. Rispetto ai colleghi Thy Art Is Murder, hanno favorito una composizione incentrata su tracce tritacarne e sulla mattanza senza fronzoli, fuori da ogni orecchiabilità o chorus galvanizzanti, mirando a causare più distruzione possibile.

 

 

Rating: 9/10

Brani suggeriti: World War X, Visions of the End, No Light Shall Save Us, All Roads Lead to Hell, Brushed by the Wings of Demons.

 

 

Carnifex – World War X tracklist:

 

1. World War X

2. Visions of the End

3. This Infernal Darkness

4. Eyes of the Executioner

5. No Light Shall Save Us (feat. Alissa White-Gluz)

6. All Roads Lead to Hell (feat. Angel Vivaldi)

7. Brushed by the Wings of Demons

8. Hail Hellfire

9. By Shadows Thine Held

 

 

 

 

Per tutti gli articoli e le recensioni sui CARNIFEX di SICK AND SOUND:

www.sickandsound.it/category/artists/carnifex

 

Per tutte le recensioni sui nuovi album di SICK AND SOUND:

www.sickandsound.it/category/albums

 

Per tutte le recensioni sui concerti di SICK AND SOUND:

www.sickandsound.it/category/concerts

 

Per tutte le interviste disponibili su SICK AND SOUND:

www.sickandsound.it/category/interviews

 

 

 

Carnifex World War X album, Carnifex, Carnifex band, Carnifex deathcore band, Carnifex featuring Alissa White-Gluz, Nuclear Blast, Scott Ian Lewis, Shawn Cameron, Jordan Lockrey, Cory Arford, Fred Calderon, Carnifex interview, interview with Carnifex, sickandsound, deathcore interviews, deathcore 2019, deathcore bands, deathcore albums, Carnifex new album, new deathcore releses August 2019, new deathcore albums August 2019, nuovi album deathcore agosto 2019, nuove uscite deathcore, Carnifex World War X, Carnifex World War X album, Listen to Carnifex World War X, Stream Carnifex World War X, Carnifex World War X tracklist, Carnifex lineup, Ascolta Carnifex World War X, deathcore, death metal, The Summer Slaughter Tour, World War X, Visions of the End, This Infernal Darkness, Eyes of the Executioner, No Light Shall Save Us (feat. Alissa White-Gluz), All Roads Lead to Hell (feat. Angel Vivaldi), Brushed by the Wings of Demons, Hail Hellfire, By Shadows Thine Held, CarnifexMetal, interviste deathcore, recensioni deathcore, Carnifex World War X recensione, Carnifex World War X review, Carnifex World War X rating

 

 

 

www.facebook.com/CarnifexMetal

www.twitter.com/Carnifex

www.instagram.com/Carnifex

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: COPY DENIED! Copyright protected ©sickandsound