DISTRUZIONE SINFONICA: I BLEEDING THROUGH RISALGONO SUL RING COL NUOVO LOVE WILL KILL ALL.

Bleeding Through Love Will Kill All review, Bleeding Through, Bleeding Through band, SharpTone Records, Bleeding Through Love Will Kill All, bleedingthroughofficial, metalcore, sickandsound, melodic death metal, Brandan Schieppati, Brian Leppke, Ryan Wombacher, Derek Youngsma, Marta Peterson, Darkness A Feeling I Know, Fade Into The Ash, End Us, Cold World, Dead Eyes, Buried, No Friends,Set Me Free, No One From Nowhere, Remains, Slave, Life, metalcore bands, metalcore albums, Bleeding Through Love Will Kill All album, Bleeding Through Love Will Kill All review, Bleeding Through Love Will Kill All recensione, Listen to Bleeding Through Love Will Kill All, Stream Bleeding Through Love Will Kill All, Bleeding Through Love Will Kill All tracklist, new album by Bleeding Through

BLEEDING THROUGH.

Ritorno alle origini e alla brutalità senza compromessi.

 

 

 

 

Bleeding Through band, Bleeding Through, SharpTone Records, Bleeding Through Love Will Kill All, bleedingthroughofficial, metalcore, sickandsound, melodic death metal, Brandan Schieppati, Brian Leppke, Ryan Wombacher, Derek Youngsma, Marta Peterson, Darkness A Feeling I Know, Fade Into The Ash, End Us, Cold World, Dead Eyes, Buried, No Friends,Set Me Free, No One From Nowhere, Remains, Slave, Life, metalcore bands, metalcore albums, Bleeding Through Love Will Kill All album, Bleeding Through Love Will Kill All review, Bleeding Through Love Will Kill All recensione, Listen to Bleeding Through Love Will Kill All, Stream Bleeding Through Love Will Kill All, Bleeding Through Love Will Kill All tracklist, new album by Bleeding Through

 

 

 

 

Sono trascorsi sei anni dall’ultimo album The Great Fire e un successivo tour esteso con cui i Bleeding Through avevano salutato i propri fan dopo essere stati pionieri del metalcore dal 1999. Il ritorno della band di Brendan Schieppati, Brian Leppke, Ryan Wombacher, Derek Youngsma e Marta Peterson è stato inesorabilmente aggressivo come ci si sarebbe potuti aspettare da una formazione che ha mantenuto sempre una linea blindata nel proprio output sonoro. Ebbene si, l’outfit di Orange County si riaffaccia alla scena del metalcore, raddoppiando la propria heaviness senza abbassarsi a compromessi e contaminazioni commerciali che molti colleghi del genere hanno adottato durante la propria progressione. Nessun back down dunque. I Bleeding Through risalgono sul ring col nuovo Love Will Kill All il 25 Maggio 2018 tramite l’etichetta SharpTone Records.

 

Ritorno al metalcore originale degli anni 2000, e ritorno alla vita, all’ispirazione creativa che il loro mostruoso frontman dichiara ancora essere in grado di scorrere nelle vene della band; motivata ancora dalla vera passione per la musica, e sopratutto immutata dalle origini. La musica come espressione ultima ritrova la propria forma nella brutalità senza sondare nessun tipo di terreno recondito.

 

Un lost and found e un ritorno alle origini immediatamente riconoscibile all’ascolto, e se ricordate i loro tratti distintivi ma non sapevate che la band era sparita dalle luci della ribalta, probabilmente non ve ne accorgereste neanche.

 

 

 

 

BLEEDING THROUGH. LOVE WILL KILL ALL.

Recensione traccia per traccia

 

 

 

 

Bleeding Through Love Will Kill All, Bleeding Through, Bleeding Through band, SharpTone Records, bleedingthroughofficial, metalcore, sickandsound, melodic death metal, Brandan Schieppati, Brian Leppke, Ryan Wombacher, Derek Youngsma, Marta Peterson, Darkness A Feeling I Know, Fade Into The Ash, End Us, Cold World, Dead Eyes, Buried, No Friends,Set Me Free, No One From Nowhere, Remains, Slave, Life, metalcore bands, metalcore albums, Bleeding Through Love Will Kill All album, Bleeding Through Love Will Kill All review, Bleeding Through Love Will Kill All recensione, Listen to Bleeding Through Love Will Kill All, Stream Bleeding Through Love Will Kill All, Bleeding Through Love Will Kill All tracklist, new album by Bleeding ThroughUn disco che apre con organo e linea vocale in clean and clear, oscura e nera come la pece esattamente come il titolo aveva suggerito: Darkness, A Feeling I Know. Un brano introduttorio poco più lungo di un minuto, un climax che approcciandosi alla conclusione subisce un crescendo verso la distorsione della voce negli ultimi secondi. Il preambolo del disco introduce alla distruzione sinfonica e a quei dettagli unici del metalcore dei Bleeding Through, che a questo punto scalpitiamo per ritrovare.

 

Ed eccola qui la formula che funziona in esecuzione matematica materializzarsi in Fade Into The Ash. Si vaporizza con l’atmosferico e si aggrega col sintetizzato. Un brano che esplode sin da subito su un tappeto ritmico in total blast, riffing rapidissimo e distorsioni vocali di fuoco complementari a break down scavezza collo. Queste sezioni infernali si ritrovano poi a scivolare nel melodico di cori e voce pulita. Dalla metà si apre un break down sinfonico carico di drammatico per mano dei tocchi di organo di Marta Peterson, che ricordano la soundtrack di una casa infestata da spiriti e vampiri come l’avete ascoltata in tanti film horror. Non solo soli ma aleggiano in accompagnamento della distruzione da corde vocali ad opera del capo dei commilitoni cattivi Bleeding Through. Un brano potente e carico di energia, in grado di coinvolgere nel catchy chorus.

 

“Death you’ll be feeling so dark and alone, once you burn with the sun you won’t shine so bright, as you fade into the ash, as you fade into the ash”.

 

Guarda il video ufficiale di Bleeding Through – Fade Into The Ash:

 

 

Un altro gran bel pezzo è il successivo, End Us che rivisita l’elemento fondamentale di tastiere per creare attesa. Una sospensione che non delude infatti, quando riveste l’ascoltatore di appagamento totale nell’istante in cui la ritmica dal ventesimo secondo si fa sentire. Le tastiere in questo brano ricamano tutto l’arrangiamento aggiungendo un quid che rende il brano oltre che un mastodonte del metalcore, anche una creatura dotata di bellezza e fascino. Il sincopato nella congiunzione batteria-chitarra tra l’accattivante e poi l’accelerato incita l’headbanging e non poco. Bevetevi un altro chorus ricantabile e quanto mai rivolto alla folla.

 

Guarda il lyric video ufficiale di Bleeding Through – End Us:

 

 

La traccia in cosa è pronta a scoppiare una vera guerra fredda, inarrestabile nei blast beats su nevrosi da doppio pedale. Cold World è un brano che esclude armonia, procedendo a passi pesanti verso l’apice più feroce della rabbia nel growl, dei giri di chitarra più dilanianti e break down apocalittici della formazione Bleeding Through. Un brano meno ricantabile dei precedenti, e che si mette d’impegno a prendere a pugni senza pietà l’ascoltatore.

 

Un largo ausilio di organi da cattedrale gotica è adoperato in Dead Eyes che per giunta un carico di solennità nelle backing vocals. Il growl infernale si discioglie nell’appeal gotico e nel sinfonico.

 

La discesa nell’oscurità non è da intendere come diminuzione di brutalità, perché se l’aveste pensato seppure per mezzo secondo, con Buried i Bleeding Through vi smentiscono. Tornano a rubare il fuoco agli Dei. Aprono con circolarità di chitarre incalzanti e proseguono con oltraggio di laceranti harsh vocals su vigoroso accompagnamento ritmico. La composizione del pezzo è molto ricca e intricata, in assorbimento di elementi dal melodic death metal. Nel delirio di tastiere in backdrop, quanto negli istanti in cui diventano organi, entrambe le versioni dello strumento accompagnano il pezzo verso il giorno del giudizio. Negli ultimi passi del cammino verso la conclusione, la ripetizione di “Bury You su voci che sembrano un’orda di corpi infernali in avanzamento,  si porta via il gusto totale. È un pezzo carico di odio, dolore, disprezzo come descritto nelle testualità e perfettamente specchiato dallo strumentale.

 

Ascolta la release audio ufficiale di Bleeding Through – Buried:

 

 

Ecco come pestare i piedi in un parterre durante un concerto metalcore dal vivo, e No Friends li fa pestare come dannati. Introdotto da un effetto vocale di distorsione robotica, procede sostenuto e muscoloso, dannatamente perfetto nella formula chitarra-percussioni. Ignorante e massiccio nella persecuzione dei codardi alla ricerca di un nascondiglio: i falsi amici.

 

Set Me Free, primo singolo estratto da Love Will Kill All, e non a caso. Riprende la contaminazione di elementi melodic death metal di Buried. Forse uno dei brani dove la follia psicotica da doppio pedale tocca e sfonda il limite della velocità possibile. Tedio e inquietudine percorrono tutte le arterie di un arrangiamento dal sangue nero con le tastiere che qui sono di toni oscuri e grevi, senza farsi mancare un istante di black metal dalla sezione centrale in poi. Il quadro di massacro sonoro chiude sfumando all’ascolto su pungente chitarra e tastiere dai tocchi di vetro.

 

Guarda il video ufficiale di Bleeding Through – Set Me Free:

 

 

Fuoco a pieni cilindri spara dal drums pattern di No One From Nowhere con qualcosa che sembra attingere dal post-hardcore e dall’hardcore. Interessante è da notare l’uso variato di synth per tutto il disco in congiunzione alle tastiere, che in questa traccia propone l’effetto di archi sinfonici.

 

Riverbero, e che riverbero introduce Remains dove ritroverete il metalcore che si gusta su tutti gli elementi migliori del genere. Specialmente mi riferisco al lavoro di corde in apertura tra la perforazione e lo stoppato, in glissato verso il melodico quando il ritornello accoglie voce pulita e chitarra pulita. Il sing along è solo una conseguenza. Inutile dire quanto sia adatto per la versione live.

 

 

 

Bleeding Through, Bleeding Through band, SharpTone Records, Bleeding Through Love Will Kill All, bleedingthroughofficial, metalcore, sickandsound, melodic death metal, Brandan Schieppati, Brian Leppke, Ryan Wombacher, Derek Youngsma, Marta Peterson, Darkness A Feeling I Know, Fade Into The Ash, End Us, Cold World, Dead Eyes, Buried, No Friends,Set Me Free, No One From Nowhere, Remains, Slave, Life, metalcore bands, metalcore albums, Bleeding Through Love Will Kill All album, Bleeding Through Love Will Kill All review, Bleeding Through Love Will Kill All recensione, Listen to Bleeding Through Love Will Kill All, Stream Bleeding Through Love Will Kill All, Bleeding Through Love Will Kill All tracklist, new album by Bleeding Through

 

 

 

L’assalto sonoro non è risparmiato in coda alla tracklist del disco, e si aggroviglia su un eccezionale lavoro di chitarra e bombardamento ritmico in full blast col brano Slave. Anche qui il melodic death metal sembra essersi disciolto e propagato in un pezzo, che lascia nella maschera a gas ben poco ossigeno. Una vendetta vocale senza precedenti firmata Brendan Schieppati.

 

E come non lasciare l’ascoltatore con quella che sembra la colonna sonora di un nuovo film di Godzilla, Life. L’arrangiamento è magistrale nella ferocia del marchio a fuoco della band di Orange County, e incastona pietre preziose nel ritornello più incantevole di tutto l’album. Carico di emozione pura su voce maschile e femminile. Due linee vocali accompagnate da cori nebulizzano ossigeno insieme alla melodia di archi e tastiere nel retro del brano. Peterson e Schieppati sono in equlibrio cristallino nel soffiare sul fuoco, l’una acqua e l’altro benzina. Integrano il pezzo con cantato pulito e cantato abrasivo. Le ripetizioni dei ritornelli sono interludi impregnati di luce, nel buio dell’abissale strumentale e di un mid range growl affamato e squarciante.

 

 

I Bleeding Through firmano con un brano catartico la loro nuova collezione di tracce dove sono materializzati dieci anni di metalcore trainati dallo stesso flusso inarrestabile della materia sonora che lo compone da sempre.

 

 

Rating 10/10

 

Brani suggeriti: Fade Into The Ash, End Us, Buried, Set Me Free, Remains, Life

 

 

 


[amazon_link asins=’B07BZ455NY,B07BSHV93C,B07BLGHC81,B006HH60UY,B009IKHT7U,B000066HHE,B001EC6JVM,B00061HTKW,B00023E8L2,B000CEV4X6′ template=’ProductCarousel’ store=’e0517-21′ marketplace=’IT’ link_id=’07d0ab42-6f07-11e8-a199-81909dcfef51′]

 

 

Per tutte le recensioni sui nuovi album di SICK AND SOUND:

www.sickandsound.it/category/albums

 

Per tutte le recensioni sui concerti di SICK AND SOUND:

www.sickandsound.it/category/concerts

 

Per tutte le interviste disponibili su SICK AND SOUND:

www.sickandsound.it/category/interviews

 

 

 

Bleeding Through logo, Bleeding Through, Bleeding Through band, SharpTone Records, Bleeding Through Love Will Kill All, bleedingthroughofficial, metalcore, sickandsound, melodic death metal, Brandan Schieppati, Brian Leppke, Ryan Wombacher, Derek Youngsma, Marta Peterson, Darkness A Feeling I Know, Fade Into The Ash, End Us, Cold World, Dead Eyes, Buried, No Friends,Set Me Free, No One From Nowhere, Remains, Slave, Life, metalcore bands, metalcore albums, Bleeding Through Love Will Kill All album, Bleeding Through Love Will Kill All review, Bleeding Through Love Will Kill All recensione, Listen to Bleeding Through Love Will Kill All, Stream Bleeding Through Love Will Kill All, Bleeding Through Love Will Kill All tracklist, new album by Bleeding Through

 

 

 

www.bleedingthroughofficial.com

www.facebook.com/BleedingThrough

www.twitter.com/bleedingthrough

www.youtube.com/channel/SharpTone Records

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: COPY DENIED! Copyright protected ©sickandsound