END. FROM THE UNFORGIVING ARMS OF GOD. Il caos incarnato si leva fra i comuni mortali

END From The Unforgiving Arms Of God review, END, End band, From the Unforgiving Arms Of God EP, End - From the Unforgiving Arms Of God, metalcore, deathcore, mathcore, hardcore, sickandsound, album review, End debut album review, Listen to End From the Unforgiving Arms Of God, Stream End From the Unforgiving Arms Of God, Brendan Murphy, Counterparts, Will Putney, Fit For An Autopsy, Gregory Thomas, Misery Signals, Jay Pepito, Reign Supreme, Andrew McEnaney, Structures, Good Fight Music, Chewing Glass, Usurper, Love Let Me Die, From The Unforgiving Arms of God, Necessary Death , Survived By Nothing

END. FROM THE UNFORGIVING ARMS OF GOD.

5 band. 5 componenti. 3 generi. 1 supergruppo da teethgrinding.

 

 

 

END band lineup, END, End band, From the Unforgiving Arms Of God EP, End - From the Unforgiving Arms Of God, metalcore, deathcore, mathcore, hardcore, sickandsound, album review, End debut album review, Listen to End From the Unforgiving Arms Of God, Stream End From the Unforgiving Arms Of God, Brendan Murphy, Counterparts, Will Putney, Fit For An Autopsy, Gregory Thomas, Misery Signals, Jay Pepito, Reign Supreme, Andrew McEnaney, Structures, Good Fight Music, Chewing Glass, Usurper, Love Let Me Die, From The Unforgiving Arms of God, Necessary Death , Survived By Nothing

 

 

 

Lineup e debutto

 

 

 

From The Unforgiving Arms Of God è l’extended play di debutto di una super formazione, che vede combinati alcuni componenti di alcuni tra i  gruppi più heavy del panorama metalcore, hardcore e deathcore statunitense, gli END. Con Brendan Murphy alle vocals, lo spietato frontman degli iconici Counterparts, Will Putney alla chitarra, componente dei Fit For An Autopsy assieme all’altro chitarrista Gregory Thomas appartenente ai Misery Signals. Si aggiungono il bassista Jay Pepito, direttamente dai Reign Supreme e il batterista Andrew McEnaney dagli Structures.

 

Gli END col loro lineup assurdo, sfondano spietati e temerari con From The Unforgiving Arms Of God, in release lo scorso 8 Settembre 2017 mediante Good Fight Music.

 

 

 

END. FROM THE UNFORGIVING ARMS OF GOD.

 

Panoramica sulle sonorità

 

 

 

END The Unforgiving Arms Of God, END, End band, From the Unforgiving Arms Of God EP, End - From the Unforgiving Arms Of God, metalcore, deathcore, mathcore, hardcore, sickandsound, album review, End debut album review, Listen to End From the Unforgiving Arms Of God, Stream End From the Unforgiving Arms Of God, Brendan Murphy, Counterparts, Will Putney, Fit For An Autopsy, Gregory Thomas, Misery Signals, Jay Pepito, Reign Supreme, Andrew McEnaney, Structures, Good Fight Music, Chewing Glass, Usurper, Love Let Me Die, From The Unforgiving Arms of God, Necessary Death , Survived By NothingIl disco include sei brani coi quali distilla una qualità di rabbia a malapena accostabile all’umano e che all’ascolto schianta in un mosh pit grondante di sudore. I suoi break down più devastanti sono al centro dell’occhio del ciclone sonoro degli END. La performance di Brendan Murphy è altamente sconvolgente, si dimena alla stregua di distorsioni vocali in maggioranza growl medio e fry screaming. I sei frammenti d’inferno vivente e risalito in terra vengono sguinzagliati con la pressione sul tasto play, e si avventano sull’ascoltatore col la loro rabbia animalesca, senza freni, senza pietà. Un EP che si descrive come una carica d’assalto cataclismica, aizzata da un linguaggio aspro sul disprezzo totale per la civiltà umana. Rancore liquido che si riversa all’interno dei crepacci della società moderna e le spaccature che opera nel tentativo di costruire strutture schematiche e conformare il suo concetto di ordine.

 

È una collezione di brani che sbandiera la propria competenza tecnica e stilistica nel maneggiare le armi più potenti dell’arsenale hardcore. Spara direttamente nelle orecchie con harsh vocals mostruose fra le più aggressive e abrasive di Brendan Murphy.

 

Il rischio di distruzione in ascolto è massimo. Serrate i denti. Mettete in sicurezza mobilio e suppellettili.

 

 

 

 

END. FROM THE UNFORGIVING ARMS OF GOD.

Anima dark e cuore nero

 

 

Track by track

 

 

 

La traccia opener Chewing Glass apre in inquietante distorsione, un tormento che irrompe all’istante col suo caos da bombardamento su groove violento, ritmica headbanging a rotta di collo e chitarre dissonanti. Sono due minuti e mezzo di riffing sferragliante e sfrontato squartato dalle distorsioni di questo cantante che in mid range growl ruvidissimo chiama alle armi il resto dei componenti, che si accodano alla distruzione di massa detonata per cancellare ogni senso di pace e di calma del resto dell’album. Sono lyrics che si autopuniscono e feriscono sulle parole:Don’t shed another fu**ing tear for me, I am undeserving. Bastard reflection”, laddove il brano è anche lacerato di tanto in tanto da ingressi in backing vocals che bruciano.  Un’introduzione che mastica veramente pezzi di vetro e che proietta la linea guida del resto dell’EP. Chewing Glass scaraventa un’indomabile forza sonica fatta di odio inoculato all’interno, nelle testualità brani, e liberato all’esterno dalla ferocia dello strumentale.

 

 

Ascolta lo stream audio ufficiale di END – Chewing Glass:

 

 

 

 

Usurper è il prossimo brano in coda, il lead single del disco di una brutalità così risoluta da risultare la discendenza diretta della precedente traccia in apertura. Apre con chitarra che perfora i timpani e si intreccia al drums pattern con elemento atmosferico prima di partire su una ritmica indiavolata e veloce al limite dell’esecuzione. É un brano dinamico, con numerosi contrasti tra alta e bassa tensione. Brutale nelle vocals, massiccio nelle linee di basso, pungente e martellante nel riffing, dannato nelle lyrics. Se si supponevano soltanto l’anima dark e il cuore nero di questo album, ne abbiamo ora piena conferma. La testualità è avvolta da una sorte avversa, ve ne do uno sneak peek: “No sun will set for me, forced to find shelter in the shadows or inside a blackened heart, I cling to useless arteries” ,“ Usurper, this body isn’t yours” e sono parole che si fanno ancora più apocalittiche: Persecution of the soul will lead to false imprisonment, unrelenting isolation breeds eternal suffering. Eternal suffering”.

 

 

Ascolta lo stream audio ufficiale di END – Usurper:

 

 

 

 

La successiva traccia  Love Let Me Die è brevissima, al di sotto di un minuto e mezzo, e uno dei pezzi più rapidi di questa mezza dozzina di brani. Esplode su una corsa frenetica e psicotica sin dai primi secondi su tutto lo strumentale incluso il cantato. Porta l’esecuzione degli END a toccare un picco di velocità della luce mai raggiunto, mentre inietta guitar riffs ultra tecnici ed eccezionali. I fills di batteria sono altrettanto tecnici e incalzanti. Chiude su pungente crunch guitar.

 

 

Ascolta lo stream audio ufficiale di END – Love Let Me Die:

 

 

 

 

In entrata la titletrack, From The Unforgiving Arms of God che è un blast di percussioni super speed intervallate a un pattern più metalcore. Una traccia che mi è molto piaciuta nei guitar riff che sono dissonanti rispetto alla ritmica impazzita e nel backdrop regalano arrangiamenti stregati e quanto mai da sbattere la testa mentre si tende ad isolarli con l’udito nell’arrangiamento. In avvicinamento al secondo minuto apre a un break down e interludio breve, un rischio sperimentale che si trapunta bene nel brano. Sempre in chitarra distorta e devastazione totale in mid range growl e fry screaming della linea vocale principale, mentre un’orda intera gli fa da eco con la stessa ferocia. Hardcore compulso in fusione al paradigma metal.

 

 

Ascolta lo stream audio ufficiale di END – From The Unforgiving Arms of God:

 

 

 

 

La traccia è rincorsa dalla seguente Necessary Death  il cui video ufficiale è stato rilasciato lo scorso 6 Dicembre 2017.  Si tratta del pezzo forte del disco, un brano più deathcore e metalcore che hardcore. L’arrangiamento prende fuoco ma si rivela molto accessibile e non esaltato nella velocità come i predecessori. Si contorce su sezioni minacciose di drum fills e tappeto ritmico battente, angoscianti chitarre sullo sfondo e guitar riff molto vigorosi in evidenza che si guadagnano il massimo dell’apprezzamento. Un fantastico break down incastonato nella seconda metà del brano, scatena il mosh pit finale di un headbanging totale in cui batteria e chitarre sono talmente ben incastrate da essere un marchingegno perfetto. Dal vivo un brano del genere è da paura garantita.

 

 

Guarda il ufficiale di END – Necessary Death:

 

 

 

 

Necessary Death conduce con massimo gradimento alla traccia closer, Survived By Nothing. L’apertura è in screaming distruttivo e fragore di chitarre, su una ritmica sostenuta ma non convulsa. Dal minuto e trenta, la traccia subisce un drastico rallentamento nel tempo e nella ritmica delirante del resto del disco. Si fa quanto mai doom, su scenario sonoro di rovine dopo l’apocalisse. Una traccia da chiusura geniale, che concede una tregua miscelando la brutalità a quel tanto di melodico e sezioni più placate e ossessionanti. Prima di legarsi le mani e cucirsi la bocca, gli END, avvolgono la dinamica più martellante del loro hardcore con un’atmosfera cupa e tediosa.  Sono riusciti a creare una texture che lascia storditi e intimoriti.

 

 

Ascolta lo stream audio ufficiale di END – Survived By Nothing:

 

 

 

 

From The Unforgiving Arms Of God è introduzione e distruzione sonora agli END, che si stagliano come una formazione forte di ciascun componente, legata da una grande chimica, compatta e formidabile. Gli END blindano una grande quantità di elementi in una piccola selezione di brani: notevole tecnica, prepotente esecuzione, vorace dinamica, distorsioni deflagranti e alto coinvolgimento. Lanciano un EP con apertura da schianto e chiusura da stordimento. Concedono la vita a un progetto oscuro e potente che staglia un’ombra sinistra in fondo alla stanza, quella di album a venire che si nutriranno dallo stesso massacro sonoro.

 

 

Brani preferiti: From The Unforgiving Arms of God, Necessary Death, Survived by Nothing

 

 

 

 

 

 

Per tutte le recensioni della categoria album di SICK AND SOUND:

www.sickandsound.it/category/albums

 

Per tutte le interviste disponibili su SICK AND SOUND:

www.sickandsound.it/category/interviews

 

Per tutte le recensioni della categoria concerti di SICK AND SOUND:

www.sickandsound.it/category/concerts

 

 

 

END Brendan Murphy, END, End band, From the Unforgiving Arms Of God EP, End - From the Unforgiving Arms Of God, metalcore, deathcore, mathcore, hardcore, sickandsound, album review, End debut album review, Listen to End From the Unforgiving Arms Of God, Stream End From the Unforgiving Arms Of God, Brendan Murphy, Counterparts, Will Putney, Fit For An Autopsy, Gregory Thomas, Misery Signals, Jay Pepito, Reign Supreme, Andrew McEnaney, Structures, Good Fight Music, Chewing Glass, Usurper, Love Let Me Die, From The Unforgiving Arms of God, Necessary Death , Survived By Nothing

 

 

www.facebook.com/listentoend

www.instagram.com/yourfuckingend

www.youtube.com/ENDmusic

www.youtube.com/GoodFightMusic

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: COPY DENIED! Copyright protected ©sickandsound