FROM SORROW TO SERENITY: alla distruzione il libero arbitrio degli equilibri sonori, nessun pietà nel nuovo RECLAIM.

From Sorrow To Serenity Reclaim review, From Sorrow To Serenity, From Sorrow To Serenity band, From Sorrow To Serenity Reclaim album, From Sorrow To Serenity Reclaim tracklist, From Sorrow To Serenity Reclaim review, From Sorrow To Serenity Reclaim recensione, Listen to From Sorrow To Serenity Reclaim, Stream From Sorrow To Serenity Reclaim, Ascolta From Sorrow To Serenity Reclaim, Denounce, We Are Liberty, Reclaim, Alight, Perpetrator, Solitude, Unity Asunder, Inside A Soul, Supremacy, 7, Resurgence, From Sorrow To Serenity metalcore band, metalcore, UK metalcore, metalcore bands, metalcore albums, progressive metalcore, djent, metalcore albums March 2019, nuove uscite metalcore, nuovi album metalcore, metalcore 2019, metalcore releases March 2019, new metalcore albums, Long Branch Records, FSTS, Gaz King, Steven Jones, Andrew Simpson, Ian Baird, Remnant of Humanity, Antithesis EP, metalcore bands, UK metalcore, metalcore album reviews, sickandsound, album review, From Sorrow To Serenity lineup

FROM SORROW TO SERENITY.

 

 

 

 

FROM SORROW TO SERENITY. Sono una formazione metalcore scozzese da Glasgow in attività dal 2013 con Gaz King alle vocals, Steven Jones alle chitarre, Andrew Simpson al basso, Ian Baird alla batteria. Hanno debuttato nel 2013 con l’ EP Antithesis e pubblicato il primo full-length Remnant of Humanity nel 2016. Nel 2019 sono entrati nel roster della Long Branch Records con la quale hanno pubblicato il 22 marzo 2019 il secondo album RECLAIM.

 

 

 

From Sorrow To Serenity band, From Sorrow To Serenity, From Sorrow To Serenity band, From Sorrow To Serenity Reclaim album, From Sorrow To Serenity Reclaim tracklist, From Sorrow To Serenity Reclaim review, From Sorrow To Serenity Reclaim recensione, Listen to From Sorrow To Serenity Reclaim, Stream From Sorrow To Serenity Reclaim, Ascolta From Sorrow To Serenity Reclaim, Denounce, We Are Liberty, Reclaim, Alight, Perpetrator, Solitude, Unity Asunder, Inside A Soul, Supremacy, 7, Resurgence, From Sorrow To Serenity metalcore band, metalcore, UK metalcore, metalcore bands, metalcore albums, progressive metalcore, djent, metalcore albums March 2019, nuove uscite metalcore, nuovi album metalcore, metalcore 2019, metalcore releases March 2019, new metalcore albums, Long Branch Records, FSTS, Gaz King, Steven Jones, Andrew Simpson, Ian Baird, Remnant of Humanity, Antithesis EP, metalcore bands, UK metalcore, metalcore album reviews, sickandsound, album review, From Sorrow To Serenity lineup

 

 

 

 

 

FROM SORROW TO SERENITY. RECLAIM.

Overview

 

 

 

 

Sembra che Long Branch Records stia mettendo a segno numeri di prestigio nel metalcore europeo nel 2019 e con i From Sorrow To Serenity trasmette un altro episodio originale e che lascia alla distruzione il libero arbitrio degli equilibri sonori.

 

From Sorrow To Serenity Reclaim album,From Sorrow To Serenity, From Sorrow To Serenity band, From Sorrow To Serenity Reclaim album, From Sorrow To Serenity Reclaim tracklist, From Sorrow To Serenity Reclaim review, From Sorrow To Serenity Reclaim recensione, Listen to From Sorrow To Serenity Reclaim, Stream From Sorrow To Serenity Reclaim, Ascolta From Sorrow To Serenity Reclaim, Denounce, We Are Liberty, Reclaim, Alight, Perpetrator, Solitude, Unity Asunder, Inside A Soul, Supremacy, 7, Resurgence, From Sorrow To Serenity metalcore band, metalcore, UK metalcore, metalcore bands, metalcore albums, progressive metalcore, djent, metalcore albums March 2019, nuove uscite metalcore, nuovi album metalcore, metalcore 2019, metalcore releases March 2019, new metalcore albums, Long Branch Records, FSTS, Gaz King, Steven Jones, Andrew Simpson, Ian Baird, Remnant of Humanity, Antithesis EP, metalcore bands, UK metalcore, metalcore album reviews, sickandsound, album review, From Sorrow To Serenity lineupIl nuovo dei From Sorrow To Serenity è un disco di caratura tecnica e interamente massacrante dalla traccia di apertura a quella di chiusura con influenze dal djent e sublimazioni progressive. Si percorre attraverso undici capitoli in cardiopalmo in balìa di istanti da mosh pit delirante, ma anche lasciandosi andare al coinvolgimento di ritornelli memorabili di brani destinati a essere riavvolti e riascoltati. Reclaim è anche una collezione che si avvale di elementi atmosferici e drammatici, oscura e misteriosa che non lascia spazio all’ossigeno travolgendo senza pietà. La capacità di distruzione del disco è alta, e decisamente non si presta ai deboli di cuore.

 

 

 

 

 

FROM SORROW TO SERENITY. RECLAIM.

Track by track review

 

 

 

 

Reclaim apre con un brano ad effetto con influenza djent: Denounce. Non a caso dico “ad effetto”, dacché il livellamento atmosferico retrostante che apre in pulsazione il brano, stabilisce un preambolo oscuro e che sa aggrappare l’attenzione dell’ascoltatore con uncini strappa carne. Si tratta di un brano martellante nel tappeto ritmico e di precisione tecnica di cui le elettriche sono le vere protagoniste. La cortesia vocale abrasiva di Gaz King doma a puntino i versi, quanto il ritornello su cui le vocals si aprono favorendone l’orecchiabilità. Dal terzo minuto e tredici c’è un interessante passaggio, dove il riffing breve insieme alla linea vocale subiscono un breve crescendo che raggiunge l’apice di uno squisito break down.

 

Con We Are Liberty l’esposizione alla brutalità dei From Sorrow To Serenity è in piena manifestazione. Arriva una bastonata immediata non appena si preme il tasto play. La combinazione matematica di blast beats e riffing è fantastica. Mena come nient’altro sul ritornello con un’influenza nu metalcore e corre, corre spietata senza pietà sull’intera sezione ritmica. Grande lavoro anche quello del basso, che qui è in grado di contribuire alla mattanza ritmica e splendere in isolamento esclusivo in alcuni passaggi sotto alla linea vocale. Dal minuto 2,30 si apre la lunga outro dove tensione, suspance e disagio sono i veri protagonisti. È difatti una chiusura molto suggestiva dove palpita il meglio del palm muting, l’ambience inquietante e uno spietato mestiere da doppio pedale. Se ne va lasciando lo stomaco contorto.

 

Guarda il video di From Sorrow To Serenity – We Are Liberty:

 

 

Reclaim ha una struttura composita e variabile, a partire dalla randellata che assesta in apertura e i misteriosi passaggi atmosferici. Il primo in arpeggio pulito che accoglie il cantato corrosivo con quel tanto di campo di distanza, il secondo sull’alternanza di chitarre trascinate nella seconda parte del brano. Tra istanti incendiari e affrettati, si spacca su interludi dove è sfruttata la manipolazione in synth e ruota attorno a un ritornello col suo grado di coinvolgimento e memorabilità.

 

I From Sorrow To Serenity continuano inarrestabili e senza concedere nessuna tregua con Alight dove la gloria è interamente strappata dalla prepotenza dei chitarroni down tuned e di giri reminiscenti di progressive metalcore su uno dei ritornelli più assurdi del disco, che difatti è un anthemic chorus. Tra pennellate oscure e tediose in secondo piano, Alight mette spalle al muro e crivella senza sensi di colpa.

 

 

 

 

La caratura tecnica degli scozzesi introduce in boato Perpetrator. Una mosh inducing track, dove la formula ritmica precisa al micron è talmente efficace da creare un cataclisma ritmico di caos perfettamente controllato. Sussultoria e adorabile nei blast beats e nel riffing mordi e fuggi, stende un seducente lead orientale di chitarra che si innesta nella memoria come nient’altro. E a proposito di anthemic chorus, prendetevi il ritornello di Perpetrator e portatelo nei vostri meandri mentali per il resto della giornata. Non vi mollerà un attimo.

 

 

 

From Sorrow To Serenity, From Sorrow To Serenity band, From Sorrow To Serenity Reclaim album, From Sorrow To Serenity Reclaim tracklist, From Sorrow To Serenity Reclaim review, From Sorrow To Serenity Reclaim recensione, Listen to From Sorrow To Serenity Reclaim, Stream From Sorrow To Serenity Reclaim, Ascolta From Sorrow To Serenity Reclaim, Denounce, We Are Liberty, Reclaim, Alight, Perpetrator, Solitude, Unity Asunder, Inside A Soul, Supremacy, 7, Resurgence, From Sorrow To Serenity metalcore band, metalcore, UK metalcore, metalcore bands, metalcore albums, progressive metalcore, djent, metalcore albums March 2019, nuove uscite metalcore, nuovi album metalcore, metalcore 2019, metalcore releases March 2019, new metalcore albums, Long Branch Records, FSTS, Gaz King, Steven Jones, Andrew Simpson, Ian Baird, Remnant of Humanity, Antithesis EP, metalcore bands, UK metalcore, metalcore album reviews, sickandsound, album review, From Sorrow To Serenity, lineup

 

 

Stridente nel giro di chitarra sinistro che la preannuncia, Solitude, prosegue energica e prepotente. Gustosa nei rallentamenti e travolgente nelle accelerazioni apre una voragine del tutto inattesa al minuto 2,47 dove assisterete a un cameo di clean vocals, rara apparizione in un disco trainato principalmente dalla cattiveria vocale del growl che il genere comanda. Solitudine molla un altro catchy chorus e lascia affiorare almeno un paio di lead intriganti, che emergono dall’heaviness in più punti dell’arrangiamento, di cui uno nel ritornello stesso.

 

Sulle stesse orme di giri di chitarra sinistri e ipnotici al tempo stesso Unity Asunder, carico di oscurità e dannazione. Altamente manipolata, la traccia gocciola delle atmosfere evanescenti di cui è intrisa che ne contribuiscono alla mistica resa finale. Al centro si spezza in favore di un breakdown abissale. Massiccia e gustosissima nel ritornello lontano ricordo di band come i The Royal, nebulizza gradimento e adrenalina da paura sull’intero songwriting.

 

 

 

 

Inside A Soul è un brano orientato al melodico, rarità nella selezione dei From Sorrow To Serenity. Ma attenzione, melodico da non confondere con armonico, perché guarda piuttosto alla componente spaventosa e spettrale dell’effetto. In apertura sfoggia un altro brevissimo intervento di cantato pulito appoggiato a un intro in climax. Dal passo flemmatico e più cadenzato seppur battente, si snoda su corde melliflue che sciolgono la tensione della corsa in cardiopalmo effettuata finora, con chiusura tipicamente djent e lavoretto di solista memorabile.

 

Tra le tracce banger del disco, la terzultima, Supremacy dove la ferocia è di nuovo aizzata. Adorabili transizioni tra low range growl, registro medio e screaming lacerante gratificano la performance di un eccezionale cantante che sa come domare a puntino la tecnica e mette a segno una delivery vocale caustica. La traccia è avvolta intorno a un testo radicato nel messaggio politico ed espresso in pieno dalla nevrosi strumentale di un altro pezzo che non si degna minimamente di abbassare l’asticella dell’heaviness.

 

Siamo al penultimo numero di chiusura dei From Sorrow To Serenity, 7 , una traccia molto caotica e infernale sul lavoro più maledetto di harsh vocals con qualcosa di vicino al kvlt screaming  e soprattutto di doppio pedale e batteria in full blast. Una serie di interventi di elettrica orientali si distendono all’interno del caos accano a giri che si fanno pungenti in più punti dell’arrangiamento. Non solo disturbano, ma tirano dentro all’inferno stesso del brano.

 

 

 

 

Siamo in chiusura, storditi e massacrati, dove l’ultima randellata è dispensata da Resurgence, che in compenso miscela passione ed emozione sul ritornello su quella che è la timbrica pulita di Gaz, che finalmente sentiamo proprio alla fine. Il brano mantiene il nucleo brutale del disco, ma si indora con una dose melodica miscelata attraverso il chorus e non solo. Se ne vanno così i From Sorrow To Serenity, raccontando il capitolo di resurrezione finale di una selezione drammatica e massacrante.

 

 

Rating: 9.8/10

Brani suggeriti: Denounce, We Are Liberty, Reclaim, Alight, Perpetrator, Unity Asunder

 

 

From Sorrow To Serenity – Reclaim tracklist:

 

 

1. Denounce

2. We Are Liberty

3. Reclaim

4. Alight

5. Perpetrator

6. Solitude

7. Unity Asunder

8. Inside A Soul

9. Supremacy

10. 7

11. Resurgence

 

 


 

Per tutte le recensioni sui nuovi album di SICK AND SOUND:

www.sickandsound.it/category/albums

 

Per tutte le recensioni sui concerti di SICK AND SOUND:

www.sickandsound.it/category/concerts

 

Per tutte le interviste disponibili su SICK AND SOUND:

www.sickandsound.it/category/interviews

 

 

 

From Sorrow To Serenity Reclaim album, From Sorrow To Serenity, From Sorrow To Serenity band, From Sorrow To Serenity Reclaim album, From Sorrow To Serenity Reclaim tracklist, From Sorrow To Serenity Reclaim review, From Sorrow To Serenity Reclaim recensione, Listen to From Sorrow To Serenity Reclaim, Stream From Sorrow To Serenity Reclaim, Ascolta From Sorrow To Serenity Reclaim, Denounce, We Are Liberty, Reclaim, Alight, Perpetrator, Solitude, Unity Asunder, Inside A Soul, Supremacy, 7, Resurgence, From Sorrow To Serenity metalcore band, metalcore, UK metalcore, metalcore bands, metalcore albums, progressive metalcore, djent, metalcore albums March 2019, nuove uscite metalcore, nuovi album metalcore, metalcore 2019, metalcore releases March 2019, new metalcore albums, Long Branch Records, FSTS, Gaz King, Steven Jones, Andrew Simpson, Ian Baird, Remnant of Humanity, Antithesis EP, metalcore bands, UK metalcore, metalcore album reviews, sickandsound, album review, From Sorrow To Serenity lineup

 

 


www.fromsorrowtoserenity.com

www.facebook.com/FSTSOFFICIAL

www.twitter.com/FSTS_OFFICIAL_

www.instagram.com/fromsorrowtoserenity

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: COPY DENIED! Copyright protected ©sickandsound