GOJIRA. THE WAY OF ALL FLESH.

Gojira preview, Gojira, Terra Incognita, The Link, From Mars to Sirius, The Way of All Flesh, L'enfant sauvage, Magma, Listenable Records, Prosthetic Records, Oroborus, Toxic Garbage Island, A Sight to Behold, Yama's Messengers, The Silver Cord, All the Tears, Adoration for None, The Art of Dying, Esoteric Surgery, Vacuity, Wolf Down the Earth, sickandsound, Stefano Fazio, Gojira album review, Listen to Gojira The Way Of All Flesh, Gojira The Way Of All Flesh review, Joe Duplantier, Christian Andreu, Jean-Michele Labadie, Mario Duplantier, death metal, progressive metal, trash metal, groove metal, technical death metal, progressive death metal

GOJIRA. THE WAY OF ALL FLESH.

 

 

 

Una recensione di Stefano Fazio

 

 

 

Gojira band, Gojira, Terra Incognita, The Link, From Mars to Sirius, The Way of All Flesh, L'enfant sauvage, Magma, Listenable Records, Prosthetic Records, Oroborus, Toxic Garbage Island, A Sight to Behold, Yama's Messengers, The Silver Cord, All the Tears, Adoration for None, The Art of Dying, Esoteric Surgery, Vacuity, Wolf Down the Earth, sickandsound, Stefano Fazio, Gojira album review, Listen to Gojira The Way Of All Flesh, Gojira The Way Of All Flesh review, Joe Duplantier, Christian Andreu, Jean-Michele Labadie, Mario Duplantier, death metal, progressive metal, trash metal, groove metal, technical death metal, progressive death metal

 

 

Chiunque abbia assistito ad una performance dal vivo dei Gojira vi racconterà senza dubbio di quelli che sono i due principali perni del sound della band francese: potenza e, soprattutto, precisione.

 

Gojira The Way Of All Flesh album, Gojira, Terra Incognita, The Link, From Mars to Sirius, The Way of All Flesh, L'enfant sauvage, Magma, Listenable Records, Prosthetic Records, Oroborus, Toxic Garbage Island, A Sight to Behold, Yama's Messengers, The Silver Cord, All the Tears, Adoration for None, The Art of Dying, Esoteric Surgery, Vacuity, Wolf Down the Earth, sickandsound, Stefano Fazio, Gojira album review, Listen to Gojira The Way Of All Flesh, Gojira The Way Of All Flesh review, Joe Duplantier, Christian Andreu, Jean-Michele Labadie, Mario Duplantier, death metal, progressive metal, trash metal, groove metal, technical death metal, progressive death metalIl loro assalto sonico viene creato, infatti, più dalla maestria con il quale ogni nota o percussione viene posizionata all’interno del contesto della canzone piuttosto che da distorsioni esagerate o suoni resi artificiosamente enormi. Il suono caratteristico dei Gojira risulta tagliente ed affilato, e la potenza di cui potrete godere ai loro live è un eccellente ritratto di come siano i loro lavori in studio. The Way Of All Flesh è forse il miglior esempio di questa creatura sonora.

 

 

 

 

Il pezzo con il quale quest’opera si apre, Oroborus si erge immediatamente come perfetta rappresentazione di quello che sarà il resto del disco. Il riff iniziale è forse uno dei più famosi del gruppo, e il drumming di Mario Duplantier si pone istantaneamente come uno dei migliori nella scena metal moderna.

 

I pezzi sono composti da svariate sequenze, che vanno a comporre un fluire sonoro spigoloso ma al tempo stesso incredibilmente coeso. Nessuna sequenza risulterà fuori posto o fuori tema nel contesto della canzone (né tanto meno del disco) e anzi il continuo creare e rilasciare tensione vi terrà attenti per tutta la durata del vostro ascolto, così come il frequente utilizzo di figure ritmiche irregolari.

 

 

 

 

L’eccellente produzione permette ai quattro di Bayonne di esprimere tutto il loro potenziale, permettendo un ascolto limpido di ogni strumento in qualunque momento.

 

L’insieme di questo lavoro chirurgico seppur istintivo e ferale ci ha permesso di godere di pezzi come l’incredibile Toxic Garbage Island (ad oggi il mio pezzo preferito) e l’aggressivissima Yama’s Messenger.

 

 

 

 

Quello che è il metal dei Gojira rappresenta secondo me la migliore evoluzione di ciò che il death metal degli anni ’90 è stato. Una versione matura e studiata, piuttosto che un’estremizzazione spesso inopportuna e poco dedita all’aspetto prettamente musicale. Fortuna vuole che pare non abbiano intenzione di fermarsi presto (specialmente dopo l’ottimo Magma), e potremo quindi goderci la loro musica per molto altro tempo.

 

 

 

 

Sono onorata di ospitare la recensione dello storico album dei Gojira The Way Of All Flesh di Stefano Fazio, blogger e recensore presso NINTH CHORD SITE.

 

Vi lancio i suoi contatti a seguire:

 

www.ninthchordsite.wordpress.com

www.facebook.com/stefano.fazio.75

www.twitter.com/StefanoFazio3

stefanofazio@outlook.it

 

 

Per tutte le recensioni sui nuovi album di SICK AND SOUND:

www.sickandsound.it/category/albums

 

Per tutte le recensioni sui concerti di SICK AND SOUND:

www.sickandsound.it/category/concerts

 

Per tutte le interviste disponibili su SICK AND SOUND:

www.sickandsound.it/category/interviews

 

 

Gojira The Way Of All Flesh, Gojira, Terra Incognita, The Link, From Mars to Sirius, The Way of All Flesh, L'enfant sauvage, Magma, Listenable Records, Prosthetic Records, Oroborus, Toxic Garbage Island, A Sight to Behold, Yama's Messengers, The Silver Cord, All the Tears, Adoration for None, The Art of Dying, Esoteric Surgery, Vacuity, Wolf Down the Earth, sickandsound, Stefano Fazio, Gojira album review, Listen to Gojira The Way Of All Flesh, Gojira The Way Of All Flesh review, Joe Duplantier, Christian Andreu, Jean-Michele Labadie, Mario Duplantier, death metal, progressive metal, trash metal, groove metal, technical death metal, progressive death metal

 

 

www.gojira-music.com

www.facebook.com/gojiramusic

www.twitter.com/gojiramusic

www.instagram.com/gojiraofficial

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

error: COPY DENIED! Copyright protected ©sickandsound