Intervista agli INSANE INSANE THERAPY. Lo schianto sonoro del -core in versione full lenght.

Insane Therapy lineup, Insane Therapy interview, Intervista agli Insane Therapy, deathcore album review, deathcore band interview, Insane Therapy - Take It All, Insane Therapy, Listen to Insane Therapy, Stream Insane Therapy, Insane Therapy Fracture review, Insane Therapy Fracture, Insane Therapy latest album review, deathcore, death metal, hardcore, KVLT screaming, Walrus death metal scream, low range growl, mid range growl, fry screaming, Insane Therapy Pescara, sickandsound, album review, Simone Evangelista, Emilio Ciavucco, Nich Mariantoni, Andrea Giordano, Emanuele Sulli, Veil Of Silence EP, Dehumanization split album, The Decline of The Human Race, Sliptrick Records, dysFUNCTION Productions, Walking Dead Men, United We Stand, Regression, Show Me What You Got, Party Animal, Fracture, Take It All, Scars, No Illusions, Song of The Week, Video Of The Week, Album Of The Week, Top 10 Songs of the Week playlist, sickandsound emerging bands

INSANE THERAPY.

 

Overview

 

 

 

SICK and SOUND ha ospitato gli Insane Therapy nella propria sezione Emergenti e se non foste ancora entrati in collisione di sensi con questo outfit tetro e dalla portata sonora devastante, vi spariamo una breve panoramica sulla loro formazione e sul sound spietato che li caratterizza.

 

 

Insane Therapy, Listen to Insane Therapy, Stream Insane Therapy, Insane Therapy Fracture review, Insane Therapy Fracture, Insane Therapy latest album review, deathcore, death metal, hardcore, KVLT screaming, Walrus death metal scream, low range growl, mid range growl, fry screaming, Insane Therapy Pescara, sickandsound, album review, Simone Evangelista, Emilio Ciavucco, Nich Mariantoni, Andrea Giordano, Emanuele Sulli, Veil Of Silence EP, Dehumanization split album, The Decline of The Human Race, Sliptrick Records, dysFUNCTION Productions, Walking Dead Men, United We Stand, Regression, Show Me What You Got, Party Animal, Fracture, Take It All, Scars, No Illusions, Song of The Week, Video Of The Week, Album Of The Week, Top 10 Songs of the Week playlist, sickandsound emerging bands,Insane Therapy live, Insane Therapy interview, Intervista agli Insane Therapy, deathcore album review, deathcore band interview

 

 

 

Gli Insane Therapy sono un power quintetto da Pescara che si colloca nel deathcore, con contagio di altri soundscapes tra cui il death metal e l’hardcore. Il loro lineup attuale include: Simone Evangelista alle vocals, i chitarristi Emilio Ciavucco e Nich Mariantoni, il bassista Andrea Giordano e il batterista Emanuele Sulli. Gli Insane Therapy stanno promuovendo l’ultimo massacrante album Fracture dallo scorso Novembre 2017.

 

Dalla pubblicazione hanno programmato una serie di release shows con data di apertura presso la Orange Taverna Italica di Pescara del 13 gennaio 2018. È seguita un’altra data in total blast presso il Drunk In Public di Morrovalle (Macerata) il 20 gennaio insieme al metalcore act marchigiano, i Violent Inner Protest; una tappa al Csoa Spartaco di Caserta il 27 Gennaio e sono previste per ora altre due date: un live al Case Matte dell’Aquila il 24 febbraio e il 10 Marzo presso lo Spazio Eco in occasione del Never Day Daih Carnival Party – Casalecchio Di Reno (Bologna).

 

 

 

INSANE THERAPY. Here comes the havoc.

 

Sonorità

 

 

Il sound che demarca questa formazione è impetuoso. Si contorce su un lavoro di corde tra linee di basso vibranti e piombate e riffing affilato, in grado di trafiggere qualunque ascoltatore medio. La linea prescelta è violenta, riflessa anche da un drumming ultra tecnico che viene a sconquassare la pace interiore. Break down rocciosi e sezioni melodiche distendono una cortina inquietante e tormentata sui brani. Cucite a vivo negli arrangiamenti, le harsh vocals spaziano come in pochi altri casi oltre il perimetro delle consuete distorsioni. Dategli un ascolto, e sarete squarciati nell’animo da quante più sfumature abbiate mai sentito discendere dal mid range growl al low range growl gutturale, al Walrus scream in tutta nonchalance e risalire la corrente dell’inferno in fry screaming e KVLT. Abbiamo recensito FRACTURE traccia per traccia all’indirizzo: www.sickandsound.it/violente-onde-durto-devastazione-sonora-deathcore-insane-therapy-fracture .

 

 

 

Intervista agli INSANE THERAPY.

 

 

Abbiamo avuto il piacere di fare due chiacchiere con gli Insane Therapy per conoscerli a fondo e approfondire il loro ultimo lavoro.

 

 

  • Quali elementi, generi e band hanno confluito nel vostro sound fino a renderlo massiccio come quello di oggi? Vorremmo approfondire le vostre influenze sia come musicisti individuali che nella vostra carriera come band.

 

Tutti quanti veniamo da background e esperienze musicali diverse: black metal, thrash metal, new metal, death metal, rock n’roll, rap e molto altro. Ognuno di noi poi oltre al rock e metal nelle sue diverse forme ascolta altro come dubstep, rap, house minimal, tecno , reggae e molto altro.. alcuni prima di suonare insieme negli Insane Therapy suonavano già insieme in coverband locali di Children Of Bodom , Lamb Of God  e altri progetti di inediti.

 

 

  • Vorremmo sapere una cosa curiosa, strana o fuori di testa che caratterizza ognuno di voi come artisti. Un’abitudine, un modo di fare, un interesse.

 

Le nostre abitudini prima, durante e dopo i concerti :

Simone

(Prima) conosce nuove persone, chiacchiera, si assicura che tutto sia apposto, controlla e sceglie quale birra lo accompagnerà durante la serata. (Durante) scende e sale dal palco, potrebbe succedere l’apocalisse o che tutti scappino lui non se ne accorge, continua..(Dopo) beve, parla tanto , beve improvvisa show comici  e diventa molesto, inizia a dare soprannomi, ma  se si allunga un secondo dorme subito.

Andrea

(Prima) beve qualsiasi cosa gli ricordi la Genziana (per gradazione alcolica) durante il sound check si lamenta che non si sente il basso, quindi ci beve su tanto.. (Durante) è ubriaco.. calpesta tutto (pedali, bibite, centraline, persone) è come se ci fosse solo lui sul palco, col basso ha sfregiato il volto di tante persone. (Dopo) si è ripreso, non è più ubriaco, un uomo integerrimo.

Emilio

(Prima) può succedere qualsiasi catastrofe o calamità lui risponde con “vabbò”, atteggiamento positivo che dopo un pò snerva… ha sempre il mal di testa e beve Campari, Prosecco e Oki. (Durante) scapella e sfoggia sguardi che manco rikki six, sempre vigile però mai fargli una ramanzina sul palco… potrebbe partire l’hooligan che è in lui…. (Dopo) è l’uomo più affettuoso del locale: bacia, abbraccia, scodinzola, sorride e tanti cicchetti e spende quanto il cachet del band al bar…

Emanuele

(Prima) prima di partire si assicura che ci sia la giusta luce per scattare un bel selfie, poi si può partire. Arriva al locale inizia montare la sua strumentazione, neanche il tempo di salutare che lui ha già montato la batteria, un castello della lego e un mobile di Ikea e fino a quando non si sale sul palco lui monta e smonta qualcosa. (Durante) suona, si arrabbia con Andrea che gli casca addosso ed è concentrato al massimo. (Dopo) Si arrabbia con Andrea, beve tanti cocktail esotici, smonta, rimonta e smonta la batteria.

Nich

(Prima) Si isola con il suo telefonino, ogni tanto parla ma dice qualcosa che non comprendiamo tutti, quindi si rimette a guardare la bacheca di Facebook e Instagram e si fa un selfie con la persona con l’outfit migliore in quel giorno… sentirsi dire da Nich facciamoci una foto è una grande onorificenza. (Durante) Si comporta come se fosse a una delle sue partite di calcio, stomp e stop di petto, calci di punizione, marcatura a uomo e sfida Emilio in sguardi sexy con la stessa tensione dei rigori di Francia-Italia nei mondiali del 2002. (Dopo) Ancora capiamo bene, essendo l’ultimo arrivato dobbiamo dargli tempo… solitamente sparisce, ma quando vai al bar lo ritrovi sempre.

 

 

  • FRACTURE è il vostro secondo full length e follow up di The Decline of The Human Race del 2014. Che cosa è cambiato nella composizione rispetto al precedente lavoro e quali nuovi elementi sono stati messi in evidenza?

 

A differenza del nostro primo lavoro in questo album, abbiamo sperimentato sound diversi e infatti ogni brano si diversifica dall’altro sia per sound che per composizione. Ci siamo imposti meno paletti nella scrittura e abbiamo deciso di far venire le cose da sé dando più spazio alle diverse influenze musicali di ognuno di noi. C’è sopratutto Deathcore e Death Metal, ma in alcuni pezzi prevale più la vena Hardcore, Slam e  molto Groove.

 

 

  • In fase di recensione abbiamo trovato nel disco tematiche come la corruzione della società, il razzismo, l’unione nella musica, l’importanza dell’identità personale nel conformismo. Sono legate ad esperienze personali? Vorremmo sapere di più sull’approccio ai temi che avete scelto per i vostri testi.

 

I testi  sono legati a ciò che viviamo nel quotidiano,  a ciò che vediamo  e di conseguenza anche all’esperienza personale di ognuno di noi.  Non siamo un gruppo politicamente schierato, ma ci sono dei principi e dei valori in cui siamo tutti fermamente convinti.  Per il resto l’ approccio ai testi è di getto molto semplici nei contenuti , vogliamo trasmettere un messaggio positivo, qualcosa che dia carica nell’ affrontare la giornata e che aiuti a reagire alle difficoltà quotidiane. Allo stesso tempo ci sono testi frivoli come Party Animal e Pornstars dove ci mostriamo per quello che diventiamo quando stiamo insieme, ovvero una banda di semplici depravati a cui piace fare serata in stile “Una Notte Da Leoni”.

 

 

  • Quale è stato l’aspetto più semplice al quale avete lavorato nella composizione di Fracture e quale quello che vi ha messo più alla prova?

 

Quello più semplice è stato comporre, quando siamo in sala prove ci viene naturale.. si parte da un riff di Emilio, inventato al momento e successivamente ci lavoriamo tutti insieme modificando le idee fino al risultato finale. Ogni riff e ogni canzone inizia e finisce in sala prove, ovviamente nel mezzo registriamo diverse pre-produzioni, ma quasi tutto quello che sentite nella nostra musica parte tutto da quell’ alchimia che si crea quando siamo insieme nella nostra sala prove annebbiati dal fumo e dissetati da birre e Genziana.

 

 

  • Che cosa ha ispirato la scelta del brano Fracture come titletrack dell’intero album?

 

A dir la verità è nata prima l’idea di chiamare il nuovo disco Fracture e poi l’album… Da quando è uscito l’album “The Decline Of The Human Race” sono avvenute una serire di fratture multiple e scomposte ai diversi membri della band, che ci portava a pensare a una maledizione, ma in realtà era solo la coglionaggine che ci perseguita dal giorno della nascita e col suonare insieme non ha fatto altro che peggiorare…

 

 

  • Che cosa vi ha spinto a selezionare proprio il singolo Walking Dead Men come prima video release?

 

Eravamo parecchio indecisi perché ogni brano è diverso dall’altro come scrittura e composizione, questo è quello un po’ più “metallaro” e ci dava una forte carica così abbiamo scelto in due secondi.  

 

 

  • Che cosa ci dite dell’impatto che l’album sta avendo sul pubblico anche tramite i live shows in corso e come sta procedendo la sua promozione?

 

L’album per il momento riceve ottimi apprezzamenti soprattutto all’estero, i primi concerti vanno alla grande e a breve iniziamo le riprese di un nuovo music video… diverso da “Walking Dead Men” sia per i contenuti che come stile.. mostreremo quanto siamo fracichi veramente… dimostrando quanto siamo scemi veramente, mettendo in chiaro le cose una volta per tutte.

 

 

  • La serata più memorabile di un vostro concerto o di una vostra sessione di incisione.

 

Ci sono racconti che è meglio non raccontare… cose che solo noi abbiamo giurato di conoscere e lasciare in tour… noi, la proprietaria di un’ostello, un armadio sfortunato e altri poveri malcapitati di cui non ricordiamo il volto! Una cosa la possiamo raccontare: durante un tour in Europa dell’Est, eravamo di ritorno verso l’Italia con il traghetto e fin troppo brilli… abbiamo preso possesso dell’ imbarcazione, in realtà del bar e del palco, dove si esibiva un signore che faceva finta di fare piano bar, abbiamo costretto il povero malcapitato a suonare per un’altra mezzoretta canzoni Italiane, a un certo punto gli dicevamo noi che note suonare. Uno di noi si è arrampicato sull’albero maestro, rischiando la vita  e i barman hanno chiuso il bar a una certa per mantenere la sicurezza.. considera che il traghetto era semivuoto, era facile che con altro alcool partiva l’ammutinamento e uno di noi diventava Capitano.

 

 

  • Che cosa rivelate ai nostri lettori su eventuali prossime date e progetti a venire?

 

Da fine Febbraio in poi abbiamo diverse date tra Nord e Sud Italia di cui a breve riveleremo tutto. Le date già uscite sono :  il  24 Febbraio – Case Matte – Aquila (AQ)
e il 10 Marzo – Spazio Eco – Never Day Daih Carnival Party – Casalecchio Di Reno (BO).

 

 

Grazie del vostro tempo e vi facciamo un grande augurio di meritato successo per Fracture. Siamo entusiasti di supportarvi e restare aggiornati su tutte le vostre novità .

 

Grazie per l’intervista, gentili e professionali come sempre. Speriamo di vederci presto e scambiare due chiacchiere anche di persona.

 

 

Gli Insane Therapy hanno tutto per blindarsi nel proprio sound caustico. Vi invitiamo a una loro live session e vi avvertiamo: sono in grado di conficcarvi degli anelli di trazione sotto pelle e trascinarvi sul flusso del loro schianto sonoro contro ogni pregiudizio.

 

 


[amazon_link asins=’B076WWV3XH,B076WZFNMY,B076WZXPMB,B076WQPJFV,B076WY9RG4,B076WMVFS4,B076WMKKFG,B076WVYHPQ,B00OHBKEYU,B01KAUSB0A’ template=’ProductCarousel’ store=’e0517-21′ marketplace=’IT’ link_id=’e0d6ff7f-0fd4-11e8-bae8-8ff5c2c311a4′]

 

 

Per tutte le recensioni e gli articoli sugli Insane Therapy di SICK AND SOUND:

www.sickandsound.it/category/emerging/insane-therapy

 

Per tutte le recensioni della categoria concerti di SICK AND SOUND:

www.sickandsound.it/category/concerts

 

Per tutte le recensioni sui nuovi album di SICK AND SOUND:

www.sickandsound.it/category/albums

 

 

 

 

Insane Therapy Fracture banner, Insane Therapy interview, Intervista agli Insane Therapy, deathcore album review, deathcore band interview, Insane Therapy, Listen to Insane Therapy, Stream Insane Therapy, Insane Therapy Fracture review, Insane Therapy Fracture, Insane Therapy latest album review, deathcore, death metal, hardcore, KVLT screaming, Walrus death metal scream, low range growl, mid range growl, fry screaming, Insane Therapy Pescara, sickandsound, album review, Simone Evangelista, Emilio Ciavucco, Nich Mariantoni, Andrea Giordano, Emanuele Sulli, Veil Of Silence EP, Dehumanization split album, The Decline of The Human Race, Sliptrick Records, dysFUNCTION Productions, Walking Dead Men, United We Stand, Regression, Show Me What You Got, Party Animal, Fracture, Take It All, Scars, No Illusions, Song of The Week, Video Of The Week, Album Of The Week, Top 10 Songs of the Week playlist, sickandsound emerging bands

 

 

 

www.facebook.com/insanetherapy

www.twitter.com/insanetherapy

www.instagram.com/insanetherapyband

www.soundcloud.com/insanetherapy

www.youtube.com/insanetherapyofficial

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: COPY DENIED! Copyright protected ©sickandsound