Intervista con i CRAVING FOR CAFFEINE: tutto sul nuovo album THE RAGE OF THE RABBIT.

Craving For Caffeine intervista, Craving For Caffeine, Craving For Caffeine band, Craving For Caffeine duo, C4C, Craving For Caffeine hard rock metal band, Simone “Poca” Matteucci, Matteo “Cav” Cavallaro, Craving For Caffeine The Rage Of The Rabbit, Craving For Caffeine The Rage Of The Rabbit album, Ascolta Craving For Caffeine The Rage Of The Rabbit, Listen to Craving For Caffeine The Rage Of The Rabbit, Stream Craving For Caffeine The Rage Of The Rabbit, Craving For Caffeine The Rage Of The Rabbit tracklist, The Trust Show, Overcome, Seas of Shame, Sad Land, Make It Real, Raven, Scream Your Voice, Chatterers, Take My Money, The Blue Rain, hard rock albums 2019, hard rock releases 2019, underground metal bands, underground hard rock bands, Disturbing The Neighborhood, 1st Craving EP, C4C, Craving For Caffeine The Rage Of The Rabbit recensione, Craving For Caffeine The Rage Of The Rabbit review, nuovo album Craving For Caffeine, Craving For Caffeine Perugia, recensioni metal, sickandsound, intervista con i Craving For Caffeine, Craving For Caffeine intervista, gruppi metal umbria

Intervista con i CRAVING FOR CAFFEINE: tutto sul nuovo album

 

 

 

 

SICK AND SOUND vi introduce ai CRAVING FOR CAFFEINE, una formazione hard rock/metal umbra in duo con Simone “Poca” Matteucci alla chitarra e voce e Matteo “Cav” Cavallaro alla batteria. Ci riaggiorniamo con la formazione in seguito alla pubblicazione del nuovo album THE RAGE OF THE RABBIT dello scorso 13 aprile 2019.

 

 

 

 

Alessandra ha avuto l’opportunità di fare una chiacchierata con i Craving For Caffeine per conoscerli meglio, esplorarne il sound e le influenze. Abbiamo discusso nel dettaglio le ispirazioni tematiche del nuovo full-length e alcune delle tracce, gli aspetti più complicati che la formazione ha affrontato nella fase di scrittura e produzione, l’approccio al songwriting, aspirazioni e anticipazioni.

 

 

 

Craving For Caffeine intervista, Craving For Caffeine, Craving For Caffeine band, Craving For Caffeine duo, C4C, Craving For Caffeine hard rock metal band, Simone “Poca” Matteucci, Matteo “Cav” Cavallaro, Craving For Caffeine The Rage Of The Rabbit, Craving For Caffeine The Rage Of The Rabbit album, Ascolta Craving For Caffeine The Rage Of The Rabbit, Listen to Craving For Caffeine The Rage Of The Rabbit, Stream Craving For Caffeine The Rage Of The Rabbit, Craving For Caffeine The Rage Of The Rabbit tracklist, The Trust Show, Overcome, Seas of Shame, Sad Land, Make It Real, Raven, Scream Your Voice, Chatterers, Take My Money, The Blue Rain, hard rock albums 2019, hard rock releases 2019, underground metal bands, underground hard rock bands, Disturbing The Neighborhood, 1st Craving EP, C4C, Craving For Caffeine The Rage Of The Rabbit recensione, Craving For Caffeine The Rage Of The Rabbit review, nuovo album Craving For Caffeine, Craving For Caffeine Perugia, recensioni metal, sickandsound, intervista con i Craving For Caffeine, Craving For Caffeine intervista, gruppi metal umbria

 

 

 

 

  • Ciao ragazzi e benvenuti sulle pagine di SICK AND SOUND. Iniziamo introducendo la vostra formazione e come è nato il progetto Craving For Caffeine.

 

(Simone) Ciao a tutti! Innanzitutto grazie ad Alessandra per questa possibilità e a tutti voi che ci seguite!

 

I Craving 4 Caffeine nascono da una mia idea (chitarra/voce) nel 2013, perché, dopo un lungo periodo di formazioni “cover”, ho sentito il bisogno di esprimere qualcosa di mio che raccogliesse il mio background e le mie esperienze. Matteo (batteria) è entrato a far parte del progetto solamente nel 2018. Ci siamo subito trovati in sintonia e questo ci ha portato alla pubblicazione del nuovo album, “The Rage of The Rabbit”, uscito ad Aprile di questo anno.

 

 

 

 

  • Parliamo del vostro sound a cavallo tra alternative metal, hard rock e sottili contaminazioni. Quali sono le influenze in termini di band e generi che confluiscono nella vostra musica?

 

(Matteo) io e Simone abbiamo avuto sicuramente crescite diverse per quanto riguarda ascolti ed esperienze. Il mio background è sicuramente più tendente al metal, infatti uno dei primi progetti musicali era una tribute band dei “Black Label Society”, virando poi verso il djent con formazioni inedite (Fake The Face) per poi arrivare ad oggi in cui mi piace integrare tanti diversi stili musicali fra cui trovano spazio anche funk, jazz e hard rock.

 

(Simone) La mia formazione, invece, è sicuramente più multistilistica. Ho militato in diverse formazioni che spaziavano dal funk al metal passando per rock, jazz e fingerstyle. Diciamo che la contaminazione è sicuramente uno degli aspetti che preferisco! Se dovessi proprio fare dei nomi citerei sicuramente “Extreme”, “Tuck and Patti” e “Rage Against The Machine”.

 

 

  • Se poteste descriverlo con pochi aggettivi o parole, quali usereste per definire i tratti più caratteristici del vostro signature sound?

 

Ammettiamo che questa domanda ci mette in difficoltà, fino ad oggi in ogni locandina venivamo indicati con generi musicali diversi, e questo ci ha confuso molto!

 

Possiamo definirlo un hard rock con fortissime contaminazioni elettroniche (siamo pur sempre in due)  che non ha dimenticato le sue radici metallare! Vale come risposta?

 

 

 

 

  • Chi sono Simone “Poca” Matteucci e Matteo “Cav” Cavallaro al di fuori del loro progetto in duo Craving For Caffeine? Qualunque cosa vogliate condividere di voi al di fuori dalla sfera musicale per conoscervi meglio.

 

(Simone) nella vita di tutti i giorni sono direttore e docente di chitarra presso la JMS-Jester Music School, quindi sono sempre impegnato nell’ ambito musicale! In quei rari momenti in cui non ho la chitarra in mano mi diverto a giocare a biliardo ed a sperimentare ricette in cucina!

 

(Matteo) io invece sono uno studente laureando in Ingegneria Meccanica presso l’ università di Perugia. Ovviamente la musica è il mio principale hobby insieme alla fotografia (come sai) e alla passione per il mondo delle corse automobilistiche.

 

 

  • Il 13 aprile 2019 avete pubblicato indipendentemente il vostro full-length THE RAGE OF THE RABBIT. Mi piacerebbe discutere con voi le ispirazioni tematiche dell’album e quali argomenti sono stati affrontati attraverso i testi delle sue dieci tracce.

 

(Simone) Sicuramente le tematiche trattate non sono frivole, ormai ho una certa età (chiamiamola saggezza)! Principalmente questo disco parla dei rapporti umani e di come spesso vengano disillusi o completamente demoliti. Un altro tema che viene affrontato è il grosso momento di vanità che un pò tutti noi che navighiamo sui social stiamo attraversando, diciamo che si parla anche di questo mondo edulcorato che troppo spesso viene confuso con quello reale. C’ è comunque sempre un’ incitazione alla propria individualità e al trovare la propria strada.

 

L’unico brano “visionario” è “The Blue Rain 2.0”, un brano tratto dal primo EP del quale abbiamo lasciato inalterato il testo.

 

 

 

 

  • Qual è il messaggio che vuole comunicare il titolo del disco e a cosa si ispira, dal momento che nessuna traccia ne porta il nome?

 

(Simone) Come tu e molti avete intuito, i titoli dei nostri dischi e relative copertine seguono un percorso completamente parallelo alla musica (almeno per il momento).

 

“1St Craving” aveva la copertina completamente bianca con una cornice, come a sancire l’ inizio.

 

“Disturbing The Neighborhood” rappresenta un coniglio alla periferia di una città che con il suo megafono rosso disturba il vicinato. In “The Rage Of The Rabbit” si vede il coniglio fra le macerie della città provocate dalla sua rabbia. Cosa succederà poi?

 

 

  • Qual è la traccia più melodica, quale quella più aggressiva e quale quella più sperimentale del nuovo album?

 

(Matteo) credo che la traccia più aggressiva sia “Make il Real” in quanto ha un ritornello molto coinvolgente ed un  breakdown che incita al pogo!

 

La traccia più sperimentale è di certo “Sad Land”, una canzone ricca di contaminazioni e con un solo di chitarra acustica che, inaspettatamente, sorprende spezzando il mood.

 

La traccia più melodica, secondo me, è “The Blu Rain 2.0” pezzo che mi è piaciuto sin dal primo momento per il suo stile rotondo e lineare.

 

 

 

 

  • Per quanto tempo avete lavorato all’album e qual è stato l’approccio di scrittura e songwriting del disco? Come funziona il vostro tipico processo di creazione di nuovi testi e brani?

 

(Matteo) da quando sono entrato a far parte del duo, abbiamo subito iniziato a lavorare su questo disco, impiegando circa un anno, fra composizione e produzione.

 

Di solito Simone arriva in sala prove con molte idee, che prontamente distruggo e rovino!

 

Scherzi a parte, i nostri pezzi nascono durante le prove, quando funzionano chitarra e batteria, ci piazziamo davanti al computer per comporre le parti elettroniche. Il testo a volte nasce insieme al brano, altre volte  viene scritto direttamente sul provino pre produzione.

 

Come sempre accade ci sono pezzi che nascono in un modo e finiscono esattamente nella maniera opposta di come erano stati pensati, ma alla fine è proprio questo il bello!

 

 

  • Quali sono stati gli aspetti più complicati che avete riscontrato nella fase di scrittura e produzione di questo album, specialmente dal punto di vista di release indipendente?

 

(Simone) Sicuramente il lato economico è stato uno scoglio, soprattutto perche siamo in due a dividerci le spese. Per quanto riguarda la produzione e registrazione ci siamo affidati alle sapienti orecchie di Manuele Pesaresi at “Dyne Engine Studio” di Castelfidardo (AN). Manuele è stato subito in grado di capire il sound che cercavamo e di farlo uscire, svolgendo anche un ottimo lavoro nella registrazione della batteria. Chitarre e voci sono state registrate nel mio piccolo studio, cosi da avere tutto il tempo necessario.

 

La scelta di uscire in maniera indipendente chiaramente rende più difficile la parte promozionale, siamo noi che dobbiamo contattare direttamente webzine, fanzine e organizzatori di eventi, ma confidiamo nei nostri fan che ci hanno sempre supportato!

 

Chiaramente siamo aperti a collaborazioni future che ci permettano di crescere anche artisticamente.

 

(Matteo) Su questo aspetto potremmo discutere per ore, come abbiamo già fatto io e Simone. Purtroppo è un periodo un po’ particolare per la musica underground e, secondo me, è difficile trovare un’ etichetta che pensi a te come artista e non come denaro.

 

 

 

 

  • Un’aspirazione particolare che vi piacerebbe mettere a segno come Craving For Caffeine, condividere il palco con qualcuno, suonare con uno dei vostri idoli o progetto a cui vorreste collaborare..sky’s the limit!

 

Il nostro sogno è quello di portare la nostra musica e il nostro messaggio a più persone possibile, ovviamente se nel fare questo dovessimo riuscire a passare per palchi quali “wacken open air”,”sziget” o magari un tour con gli “Extreme”, non potremmo che esserne felici!

 

 

  • Che cosa possiamo aspettarci dai Craving For Caffeine in questo 2019 e come vi state muovendo per la promozione dell’album? Date live, progetti o qualunque anticipazione vogliate condividere.

 

In questi mesi stiamo cercando di organizzare nuove date per la promozione dell’ album, anche grazie a nostri cari amici che spendono sempre ottime parole per noi. Speriamo di rivederci presto su qualche palco per divertirci insieme!

 

Per rimanere aggiornati sui nostri  eventi veniteci a trovare sulle nostre pagine Facebook e Instragram dove potrete trovare tutte le info aggiornate.

 

 

Grazie del vostro tempo Craving For Caffeine e in bocca al lupo per la promozione del vostro nuovo album. Resteremo aggiornati su tutte le vostre novità e vi continueremo a supportare. A presto!

 

Grazie a voi per questo piccolo spazio! Speriamo di rivederci presto!

 

 

 

Craving For Caffeine – The Rage Of The Rabbit tracklist:

 

1. The Trust Show

2. Overcome

3. Seas of Shame

4. Sad Land

5. Make It Real

6. Raven

7. Scream Your Voice

8. Chatterers

9. Take My Money

10. The Blue Rain

 

 

 

 

Per tutte le interviste disponibili su SICK AND SOUND:

www.sickandsound.it/category/interviews

 

Per tutte le recensioni sui nuovi album di SICK AND SOUND:

www.sickandsound.it/category/albums

 

Per tutte le recensioni sui concerti di SICK AND SOUND:

www.sickandsound.it/category/concerts

 

 

 

Craving For Caffeine The Rage Of The Rabbit album, Craving For Caffeine, Craving For Caffeine band, Craving For Caffeine duo, Craving For Caffeine hard rock metal band, Simone “Poca” Matteucci, Matteo “Cav” Cavallaro, Craving For Caffeine The Rage Of The Rabbit, Craving For Caffeine The Rage Of The Rabbit album, Ascolta Craving For Caffeine The Rage Of The Rabbit, Listen to Craving For Caffeine The Rage Of The Rabbit, Stream Craving For Caffeine The Rage Of The Rabbit, Craving For Caffeine The Rage Of The Rabbit tracklist, The Trust Show, Overcome, Seas of Shame, Sad Land, Make It Real, Raven, Scream Your Voice, Chatterers, Take My Money, The Blue Rain, hard rock albums 2019, hard rock releases 2019, underground metal bands, underground hard rock bands, Disturbing The Neighborhood, 1st Craving EP, C4C, Craving For Caffeine The Rage Of The Rabbit recensione, Craving For Caffeine The Rage Of The Rabbit review, nuovo album Craving For Caffeine, Craving For Caffeine Perugia, recensioni metal, sickandsound, intervista con i Craving For Caffeine, Craving For Caffeine intervista, interviste, gruppi metal umbria

 

 

 

www.facebook.com/cravingforcaffeine 
www.instagram.com/cravingforcaffeine 
www.reverbnation.com/craving4caffeine 
www.youtube.com/Craving4caffeinE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: COPY DENIED! Copyright protected ©sickandsound