SYLOSIS: il malessere umano attraverso la creatività e la dinamica nel quinto CYCLE OF SUFFERING.

Sylosis Cycle Of Suffering recensione, Sylosis, Sylosis band, Sylosis metal band, Sylosis Cycle Of Suffering tracklist, Sylosis Cycle Of Suffering tracklisting, Sylosis Cycle Of Suffering review, Sylosis Cycle Of Suffering recensione, Listen to Sylosis Cycle Of Suffering, Stream Sylosis Cycle Of Suffering, Ascolta Sylosis Cycle Of Suffering, new album by Sylosis, Nuclear Blast Records, NeeCee Agency, thrash metal albums February 2020, thrash metal releases February 2020, nuove uscite metal febbraio 2020, nuovi album metal febbraio 2020, progressive metal albums February 2020, progressive metal releases February 2020, nuovi album progressive metal, nuovi album thrash metal, Empty Prophets, I Sever, Cycle Of Suffering, Shield, Calcified, Invidia, Idle Hands, Apex Of Disdain, Arms Like A Noose, Devils In Their Eyes, Disintegrate, Abandon, Conor Marshall, Josh Middleton, Alex Bailey, Ali Richardson, progressive metal 2020, thrash metal 2020, Sylosis Cycle Of Suffering, Sylosis recensione, recensioni metal, Sylosis I Sever video, Sylosis Cycle Of Suffering album

SYLOSIS

 

 

 

Sylosis, Sylosis band, Sylosis metal band, Sylosis Cycle Of Suffering tracklist, Sylosis Cycle Of Suffering tracklisting, Sylosis Cycle Of Suffering review, Sylosis Cycle Of Suffering recensione, Listen to Sylosis Cycle Of Suffering, Stream Sylosis Cycle Of Suffering, Ascolta Sylosis Cycle Of Suffering, new album by Sylosis, Nuclear Blast Records, NeeCee Agency, thrash metal albums February 2020, thrash metal releases February 2020, nuove uscite metal febbraio 2020, nuovi album metal febbraio 2020, progressive metal albums February 2020, progressive metal releases February 2020, nuovi album progressive metal, nuovi album thrash metal, Empty Prophets, I Sever, Cycle Of Suffering, Shield, Calcified, Invidia, Idle Hands, Apex Of Disdain, Arms Like A Noose, Devils In Their Eyes, Disintegrate, Abandon, Conor Marshall, Josh Middleton, Alex Bailey, Ali Richardson, progressive metal 2020, thrash metal 2020, Sylosis Cycle Of Suffering, Sylosis recensione, recensioni metal, Sylosis I Sever video, Sylosis Cycle Of Suffering album

 

 

 

Lo scorso dicembre, Josh Middleton ha annunciato il ritorno del suo progetto personale, i SYLOSIS, che mancavano dalla scena da quattro anni. Con due decadi esatte di musica alle spalle, si riaffacciano sul panorama metal inglese con il quinto album in studio CYCLE OF SUFFERING il 7 febbraio 2020 tramite Nuclear Blast Records, follow up del precedente Dormant Heart  del 2015. I Sylosis ritornano con un nuovo bassista, Conor Marshall accanto al fondatore Josh Middleton (e chitarrista degli Architects), Alex Bailey e Ali Richardson.

 

 

 

 

SYLOSIS. CYCLE OF SUFFERING.

Track by track review

 

 

 

Da vent’anni i Sylosis sono un prodotto unico dello scenario metal moderno, dove una solida base di thrash trova un valore intrinseco nel progressive e nel metalcore. C’è un’evoluzione nel quinto lavoro, mostrando quanto la musicianship possa essersi espansa e affilata attraverso influenze diverse. La band aveva subito una battuta d’arresto nel 2016, come spiegato dallo stesso Josh Middleton, per una situazione di stallo e limitazione creativa del sound tradizionale, sfondato in definitiva con un ritorno che pone la libertà di composizione fuori da schemi e perimetri. Dal punto di vista lirico, stavolta si parla del caos, di società divise e in conflitto, di un futuro incerto e di una certezza: quella della musica come unica potenza in grado di illuminare il buio. Attraverso una serie di tematiche sociali e personali, il disco si ispira a partire dal titolo, al malessere dell’umanità. La sofferenza è vista come parte integrante e inevitabile della vita.

 

 

 

 

Lo scheletro di Cycle Of Suffering attinge a tutti i tratti più esplosivi e l’altissima caratura tecnica della formazione da Reading, ma è dotato di una serie di interessanti progressioni come una componente thrash più marcata, visibile sin dall’apertura col brano Empty Prophets, grande episodio di frenesia di corde e urgenza ritmica ritrovabile in altri brani indiavolati come la title track Cycle Of Suffering dove il lavoro da doppio pedale e pelli non lascia riprendere fiato e tira dentro all’arrangiamento in cardiopalmo costante. Il thrash si evolve talvolta tra flemmatici rallentamenti e furiose accelerazioni come nei brani Idle Hands e Apex Of Disdain, che aprono le fauci di rampanti chitarre e batteria in full blast e le richiudono su repentine decelerazioni, di cui la prima sfoggia un mestiere progressive di corde di grande perizia.

 

 

 

 

Il tiro viene rivisitato e riaggiustato e i brani che in passato erano molto più lunghi e tanto aggrovigliati nel riffing, ora vengono proposti in versioni più brevi. Il disco espone 50 minuti di brutalità senza filtri, innalzata ulteriormente al quadrato di episodi melodici e passaggi dotati di una capacità di coinvolgimento e catchiness tirata a lucido. Vedesi il brano Shield con un gustoso catchy chorus e se vogliamo una certa influenza -core, similmente a Calcified, che nelle sue alternanze ritmiche più o meno drammatiche in rallentamento o accelerazione, si apre su un ritornello di simile ispirazione. A proposito di ritornelli orecchiabili, Devils In Their Eyes, che oltre alla psicosi tipica del mitragliatore Sylosis, attinge a un’influenza progressive nel fretwork che mette in vetrina e un’adorabile reminescenza dal metalcore.

 

 

 

 

C’è però una forma ancora più epica di ritornello di sfumatura lontanamente sinfonica, indimenticabile nella bellezza e forse il più memorabile del disco: si trova nel brano InvidiaUn pezzo con drumming nevrotico nella variazione, che spiazza nell’incastro di incantevoli assoli, innesti in pianoforte, sintetizzato e archi finali. Invidia espone anche uno degli interventi più gloriosi di chitarra solista del disco e si pone all’apice dei brani dotati di bellezza tout cour. Il disco ha anche un episodio di coinvolgimento da groove, ritrovabile nel brano Disintegrate, che sapientemente miscela un ritornello in cori una feature melodica e ritmicamente coinvolgente nel sincopato tanto da suscitare un inarrestabile headbanging.

 

La componente melodica si distende sul retro di molti brani, come anticipato, di cui il lead single I Sever mette a punto una perfetta formula heavy-melodic trainata da un riffing furioso in evoluzione a partire da un’apertura acustica e in direzione di una conclusione melodica ed epica. Al cento un nucleo demolitore di un fulminante palm muting appaiato a blast beats incendiari. I Sever è una testimonianza della tecnica immacolata dei Sylosis, che con precisione non sbagliano mai un colpo, assestato al millimetro su tutti gli strumenti.

 

Guarda il video di Sylosis – I Sever:

 

 

Dinamico e diversificato, l’approccio adottato dai Sylosis per questo nuovo disco passa anche per un episodio indiavolato a confine del –core genialmente incastrato a una componente acustica e nebulizzata, Arms Like A Noose. Il brano è assolutamente geniale nel songwriting imprevedibile e non scontato, specialmente in chiusura. La curva emotiva raggiunge un apice finale sulla chiusura del disco e il brano dalle tonalità evanescenti Abandon, lunga traccia progressive melodrammatica con un pianoforte malinconico e clean vocals attutite. Un ultimo episodio che mostra in pieno l’abbandono della limitazione e la nuova libertà creativa adottata dai Sylosis, trovando un’espressione matura ed emozionale nelle corde pulite, vocali ed elettriche, nelle atmosfere e nel minimalista di vetro con rarissima distorsione.

 

 

 

 

Il nuovo lavoro dei Sylosis è dinamico eppure coeso su una solida base thrash. Reitera un percorso intrapreso nel metal moderno con alti momenti di massacro sonoro e all’altro spettro, profondi istanti di sconfinata emozione. Un quinto capitolo che si pone tra le pietre miliari di una formazione che torna più creativa e determinata che mai, attraverso una gamma eclettica di texture e mood che si aggiungono alla matrice tradizionale dei Sylosis, avvolgendo la composizione di oscurità.

 

Rating: 9.5/10

Brani suggeriti: Empty Prophets, I Sever, Shield, Invidia, Devils In Their Eyes, Disintegrate, Abandon

 

 

SYLOSIS – CYCLE OF SUFFERING tracklist:

 

1. Empty Prophets
2. I Sever
3. Cycle Of Suffering
4. Shield
5. Calcified
6. Invidia
7. Idle Hands
8. Apex Of Disdain
9. Arms Like A Noose
10. Devils In Their Eyes
11. Disintegrate
12. Abandon

 

 

 

 

Per tutte le recensioni e gli articoli disponibili sui SYLOSIS di SICK AND SOUND:

www.sickandsound.it/category/artists/sylosis

 

Per tutte le recensioni sui nuovi album di SICK AND SOUND:

www.sickandsound.it/category/albums

 

Per tutte le recensioni sui concerti di SICK AND SOUND:

www.sickandsound.it/category/concerts

 

Per tutte le interviste disponibili su SICK AND SOUND:

www.sickandsound.it/category/interviews

 

 

 

Sylosis Cycle Of Suffering album, Sylosis, Sylosis band, Sylosis metal band, Sylosis Cycle Of Suffering tracklist, Sylosis Cycle Of Suffering tracklisting, Sylosis Cycle Of Suffering review, Sylosis Cycle Of Suffering recensione, Listen to Sylosis Cycle Of Suffering, Stream Sylosis Cycle Of Suffering, Ascolta Sylosis Cycle Of Suffering, new album by Sylosis, Nuclear Blast Records, NeeCee Agency, thrash metal albums February 2020, thrash metal releases February 2020, nuove uscite metal febbraio 2020, nuovi album metal febbraio 2020, progressive metal albums February 2020, progressive metal releases February 2020, nuovi album progressive metal, nuovi album thrash metal, Empty Prophets, I Sever, Cycle Of Suffering, Shield, Calcified, Invidia, Idle Hands, Apex Of Disdain, Arms Like A Noose, Devils In Their Eyes, Disintegrate, Abandon, Conor Marshall, Josh Middleton, Alex Bailey, Ali Richardson, progressive metal 2020, thrash metal 2020, Sylosis Cycle Of Suffering, Sylosis recensione, recensioni metal, Sylosis I Sever video

 

 


www.sylosis-band.com

www.facebook.com/sylosis

www.instagram.com/sylosisofficial

www.twitter.com/sylosis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: COPY DENIED! Copyright protected ©sickandsound