TETRARCH. FREAK. I quattro tetrarchi del regno dei folli.

Tetrarch sickandsound, Tetrarch Freak recensione, nu metal album review, Tetrarch music, Adrenaline PR, Maria Ferrero, Tetrarch interview, Let Your Psycho Loose, Interview with Diamond Rowe from Tetrarch, Alessandra Gordon, Tetrarch, Tetrarch band, Josh Fore, Diamond Rowe, Ryan Lerner, Ruben Limas, Pravda, The Will to Fight, Relentless, Freak, Listen to Tetrarch Freak, Latest Tetrarch album review, Tetrarch Freak review, Freak album review, sickandsound, albums, nu metalcore, metalcore, trash metal, hardcore melodico, post-hardcore, Dave Otero, Diamond Rowe guitar shredder, Freak, Spit, Pull the Trigger, Mary, Oddity, Break the Trend, Please Let me, Torn Apart, Tetrarch music

TETRARCH.

Formazione e discografia.

 

 

I Tetrarch sono una formazione in attività dal 2007 con fondazione ad Atlanta e successivo trasferimento a Los Angeles. Il lineup corrente include: Josh Fore alle vocals e chitarra ritmica, Diamond Rowe alla  chitarra solista, Ryan Lerner al basso e il batterista Ruben Limas. La discografia dei Tetrarch è di release interamente indipendente e include tre EP: Pravda del 2008, The Will to Fight del 2011 e Relentless EP del 2013, e un ultimo LP in release lo scorso 29 Settembre 2017, Freak.

 

 

Tetrarch band sickandsound, Tetrarch, Tetrarch band, Josh Fore, Diamond Rowe, Ryan Lerner, Ruben Limas, Pravda, The Will to Fight, Relentless, Freak, Listen to Tetrarch Freak, Latest Tetrarch album review, Tetrarch Freak review, Freak album review, sickandsound, albums, nu metalcore, metalcore, trash metal, hardcore melodico, post-hardcore, Dave Otero, Diamond Rowe guitar shredder, Freak, Spit, Pull the Trigger, Mary, Oddity, Break the Trend, Please Let me, Torn Apart, Tetrarch music

 

 

I Tetrarch sono una band con alta risonanza negli States, ma il cui successo non è ancora sbarcato oltreoceano. Una formazione intelligente, assetata e versatile nell’aver assorbito e riformulato colossali ispirazioni nel sound, completamente autonoma nella composizione e pubblicazione, grintosa, testarda, dissennata. Una formazione scoperta con grande stupore da SICK AND SOUND, e che merita uno spazio a renderle piena giustizia. UNICA.

 

 

TETRARCH. FREAK.

Panoramica.

Sovrani di un sound contorto e stravagante.

 

 

 

I Tetrarch sono rappresentati da una sound extravaganza ricca nelle influenze di titani quali Metallica, Megadeth, Mudvayne, Pantera, Lamb Of God, Korn e Splipknot, Linkin Park, Gojira, Marilyn Manson. Si autodefiniscono folli e bizzarri nella contorsione fra generi e il rifiuto di essere chiusi all’interno di uno solo di essi come accadde a seguito della sonorità iniziale puramente trash metal. Nell’evoluzione e maturazione sonora dei Tetrarch, sono confluiti successivamente il nu metal di ispirazione metalcore – il nu metalcore –  e l’hardcore melodico.

 

Freak vede la collaborazione nella produzione di Dave Otero, conosciuto per aver lavorato con i Cattle Decapitation e gli Allegaeon.

 

Un album intriso e strangolato principalmente dal proprio lavoro di corde, quello della fantastica chitarrista Diamond Rowe, colei che ha decostruito e distrutto lo status quo del ruolo di chitarrista nel soundscape heavy metal finora sbilanciato, perché principalmente maschile. Non solo abbiamo una goddess come chitarrista donna, è anche di colore, e veste davvero il ruolo addossatole di “guitar shredder” della formazione. Ascoltare per credere.

 

 

Tetrarch band, Tetrarch, Tetrarch band, Josh Fore, Diamond Rowe, Ryan Lerner, Ruben Limas, Pravda, The Will to Fight, Relentless, Freak, Listen to Tetrarch Freak, Latest Tetrarch album review, Tetrarch Freak review, Freak album review, sickandsound, albums, nu metalcore, metalcore, trash metal, hardcore melodico, post-hardcore, Dave Otero, Diamond Rowe guitar shredder, Freak, Spit, Pull the Trigger, Mary, Oddity, Break the Trend, Please Let me, Torn Apart, Tetrarch music

 

 

Freak è un disco che fa da showcase a un intruglio di guitar riff densi su percussioni travolgenti a reggere le redini di textures aggrovigliate di arrangiamenti di corde di chitarra e basso slappato alla Korn.  Alternanza di calma e aggressività, l’album naviga sul flusso e riflusso di elevate vocals melodiche stratificate su screaming gutturali e distorsioni vocali primordiali. Freak porta il peso di un metal massiccio fatto di melodie inquietanti e oscure. Pur non essendo un concept album, diffonde la tematica dell’ abbracciare gli aspetti più insani di noi stessi e tutto ciò che di noi ad occhi altrui risulta bizzarro. Un disco che è una chiamata alle armi per tutti coloro che, come i Tetrarch, si sentono anticonformisti e inadeguati alla società per le loro stranezze. È un disco vicino a tutti coloro che vogliono sfoggiare la propria unicità.

 

 

TETRARCH. FREAK.

Analisi dettagliata delle tracce.

Welcome to the freak-core-show.

 

 

 

Tetrarch Freak album, Tetrarch, Tetrarch band, Josh Fore, Diamond Rowe, Ryan Lerner, Ruben Limas, Pravda, The Will to Fight, Relentless, Freak, Listen to Tetrarch Freak, Latest Tetrarch album review, Tetrarch Freak review, Freak album review, sickandsound, albums, nu metalcore, metalcore, trash metal, hardcore melodico, post-hardcore, Dave Otero, Diamond Rowe guitar shredder, Freak, Spit, Pull the Trigger, Mary, Oddity, Break the Trend, Please Let me, Torn Apart, Tetrarch musicTitletrack dell’omonimo album dei Tetrarch, Freak, è diadema dell’intera collezione di brani. È un pezzo grondante di nu-metal e se scorgono tutti i tratti distintivi da un solo ascolto. Una traccia opener che trascina sin dalle prime martellanti percussioni sul suo dark groove ed heavy riffing. È una traccia sulla scia di un sound che richiama i Linkin Park e i Korn, senza copiare né riprodurre, ma che crea sin dall’apertura qualcosa di familiare e appassionato. Su impetuosi guitar riff e blast beats in contaminazione metalcore, basslines che tuonano grevi, potenti harsh vocals  ossessive e voce graffiante nel resto delle sezioni. Il chorus è assurdamente perforatore di memoria, si prova a ricantarlo al primo ascolto e si tenta di seguire questo assurdo cantante mentre in growl urla alla Jonathan Davies: “Freak”. Terminato il primo ascolto se ne risentiranno nelle cervella ancora le basslines granitiche. THE BASS SLAPPING I ADORE.

 

 

Ascolta la official audio release di Tetrarch – Freak:

 

 

           

 

La successiva Spit, un brano dark e moody su sonorità psicotiche e passaggi che sono di chiara ispirazione Korn soprattutto nell’ambient creato e nella stessa mania che conduce certi giri della voce nel cantato di Josh Fore . Questo lead singer vorace e rabbioso nelle harsh vocals, si dimena nel brano fra le sue distorsioni più aggressive, laceranti e quelle in pulito. Questo è un brano stilisticamente metalcore soprattutto nelle percussioni pesanti, massicce e spedite quanto i guitar riff che lo intarsiano. Risentiamo un secondo Jonathan Davies quanto intorno al primo minuto, un bass drop innesca un ambient sound tagliente e maniacale. Questo è un brano che prende d’assalto e sbrana senza pietà dall’apertura alla chiusura, e che conduce al guinzaglio il successivo mostro del disco.

 

 

Tetrarch Los Angeles, Tetrarch, Tetrarch band, Josh Fore, Diamond Rowe, Ryan Lerner, Ruben Limas, Pravda, The Will to Fight, Relentless, Freak, Listen to Tetrarch Freak, Latest Tetrarch album review, Tetrarch Freak review, Freak album review, sickandsound, albums, nu metalcore, metalcore, trash metal, hardcore melodico, post-hardcore, Dave Otero, Diamond Rowe guitar shredder, Freak, Spit, Pull the Trigger, Mary, Oddity, Break the Trend, Please Let me, Torn Apart, Tetrarch music

 

 

Pull the Trigger, un anthem che prende a pugni su tematica macabra. In questo brano il songwriting dei Tetrarch, si contorce sul conflitto dilaniante tra l’amore per sé stessi e il disprezzo dei propri demoni interiori. Hanno dipinto con pennellate inquietanti un’ode ai due antipodi non risparmiandoci nessuna ferocia, con in mente tutti coloro che hanno sofferto di malattie mentali, come pure coloro che combattono con la loro guerra quotidiana contrapponendo un sorriso. Il soggetto come lo strumentale qui sono di impatto devastante. Apre in guitar riffs taglienti quanto i pugnali che lo squarciano nelle lyrics, in corsa senza ossigeno di blast beats acceleratissimi e vocals altrettanto rapide in mid range growl. Josh Fore adotta del cantato pulito in compenetrazione a voce con grit. Bello il lavoro chitarra nei break down strumentale e intense le linee di basso in tutto l’unfolding del brano che in alcuni frangenti assieme alle percussioni raccolgono del deathcore all’ombra dei Veil Of Maya.

 

 

Guarda il video ufficiale di Tetrarch – Pull the Trigger:

 

 

 

 

La chitarrista Diamond Rowe si dichiara orgogliosa della prossima traccia in coda,  Mary, laddove il vibe e le vocals tormentate con quel tanto di tecnica cry e vocal fry a rendere il sussurrato più inquietante, è spaventoso e richiama lo stile del Reverendo, Marilyn Manson. È proprio lei che apre la canzone sui suoi guitar riffs circolari e ripetitivi. In un brano in cui il lavoro di corde è prevalente, il basso fa da perno, è molto reboante e si eleva in gloria durante i momenti in cui lo strumentale si cosparge di elementi nu metal. 

 

Un headbanging che si scatena dai primi secondi della successiva Oddity, per la quale i Tetrarch hanno pubblicato una video release lo scorso Ottobre 2017. In questa traccia il batterista Ruben Limas eccelle nella variazione e accelerazione supersonica dei suoi blast beats, come pure iniettando dei drums fills in ogni passaggio libero del brano. Sento del djent dalla seconda sezione del brano nel lavoro di batteria. Se nel precedente brano le corde erano sovrane, qui le pelli sono una presenza mastodontica.  Si tratta di un brano molto rancoroso, dove non mancano i “Fu** you” e i “Don’t give a s*it”, nè i growl più roventi. Chiude curiosamente su giri di chitarra  e basso scanditi da batteria in alternanza che si smorzano con l’abbassamento del volume e rallentamento insieme alla stessa immagine del video che decurta la sua velocità e si va spegnendo gradualmente.

 

 

Guarda il video ufficiale di Tetrarch – Oddity:

 

 

 

 

A portare ancora il gaudio della chitarrista dei Tetrarch è il brano Break the Trend, dove un impeccabile lavoro di chitarra fa da opener e ritorna a governare il regno dei folli. Sono giri favolosi e di armonia melodica quelli che ascoltiamo specialmente in principio di brano, contrapposti a blast beats molto rapidi e massicce linee di basso. Un assolo incantevole stende nella seconda sezione del brano. La voce è ancora pungente e abrasiva nelle distorsioni su una tempesta di pura rabbia riversata sull’odio di sentirsi diversi, la spinta a bruciare questo sentimento inglorioso e a depurare il mondo per creare spazio a un nuovo modo di essere.  KILLER.

 

Sembra scivolare bruciando proprio nel tune della seguente  Please Let me, laddove si invoca la supplicaPlease let me be, I am not the enemy”. La vocalità di Josh Fore qui cambia notevolmente nella voce in clean and clear, il tono e il registro sono ribassati e rende una maggiore sostanza e corposità alla sua voce piena che risultava più fina negli altri brani. Resta sempre intrecciata al suo screaming rabbioso e ai dei brillanti giri di chitarra e giri di basso che pestano i piedi. Un brano più orecchiabile, specialmente nel catchy chorus.

 

 

Tetrarch live Atlanta, Tetrarch, Tetrarch band, Josh Fore, Diamond Rowe, Ryan Lerner, Ruben Limas, Pravda, The Will to Fight, Relentless, Freak, Listen to Tetrarch Freak, Latest Tetrarch album review, Tetrarch Freak review, Freak album review, sickandsound, albums, nu metalcore, metalcore, trash metal, hardcore melodico, post-hardcore, Dave Otero, Diamond Rowe guitar shredder, Freak, Spit, Pull the Trigger, Mary, Oddity, Break the Trend, Please Let me, Torn Apart, Tetrarch music

 

 

L’ultimo numero del freak show dei Tetrarch è  Torn Apart. Una traccia che squarcia cosi quanto il nome ma non per l’heaviness che denota l’album intero. Stavolta abbiamo un brano closer inaspettato, di struggente bellezza, su tempo rallentato e nessuna aggressività, reso puro elisir sonoro da una quantità di eccelsa melodia. Il chorus è sostenuto da uno strumentale intenso e distorto ma privo di ferocia. La voce è ancora sulla tonalità di registro più basso e pieno, alla Ville Valo, e incanta sul suo ritornello carico di emozione convogliata stavolta, dall’altro apice della rabbia. I Tetrarch si dimostrano anche in grado di cullare su soffici versi carichi di melanconica bellezza, e sanno farlo anche con un assolo da capogiro e senza urlarlo in faccia.  

 

 

Ascolta la official audio release di Tetrarch – Torn Apart:

 

 

 

 

Come chiudere in modo migliore un album che è collezione di brani in massacro sonoro. Sono arrabbiati, incendiari, oscuri nelle tematiche trattate, in contrapposizione a melodie cariche di speranza, emozione e luce . Laddove nessuno strumentale sovrasta l’altro in congiunzione perfetta e ciclonica, lascia spazio e gloria a momenti di riffing superbo, a passaggi con basso da sfondamento, a sezioni di percussioni incursive all’apice della tecnica. Freak è un album infernale e altamente gradevole all’ascolto, che non necessita di essere messo in pausa tanto è l’impeto col quale traina l’ascoltatore permettendogli di riossigenarsi soltanto in chiusura.

 

Freak scorre in flow liquido direttamente dal regno oscuro dei folli di cui i Tetrarch sono i quattro sovrani.  FREAK. LET YOUR PSYCHO LOOSE.

 

Brani preferiti: Freak, Oddity, Torn Apart

 

 

 

 

 

[amazon_link asins=’B073HPFQVB,B073HRBTFT,B073HRLH24,B073HPZPRH,B073HQQ7BB,B073HR77FV,B073HPGD23,B073HPG81P,B073HP64C6′ template=’ProductCarousel’ store=’e0517-21′ marketplace=’IT’ link_id=’32bac4a4-c56c-11e7-aad7-d986d0ccf020′]

 

 

Per tutte le recensioni sui nuovi album di SICK AND SOUND:

www.sickandsound.it/category/albums

 

Per tutte le recensioni sui nuovi brani in uscita di SICK AND SOUND:

www.sickandsound.it/category/songs

 

 

 

Tetrarch twitter, Tetrarch, Tetrarch band, Josh Fore, Diamond Rowe, Ryan Lerner, Ruben Limas, Pravda, The Will to Fight, Relentless, Freak, Listen to Tetrarch Freak, Latest Tetrarch album review, Tetrarch Freak review, Freak album review, sickandsound, albums, nu metalcore, metalcore, trash metal, hardcore melodico, post-hardcore, Dave Otero, Diamond Rowe guitar shredder, Freak, Spit, Pull the Trigger, Mary, Oddity, Break the Trend, Please Let me, Torn Apart, Tetrarch music

 

 

www.facebook.com/tetrarchmusic

www.twitter.com/Tetrarch

www.instagram.com/Tetrarchmusic

www.youtube.com/Tetrarchlive

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: COPY DENIED! Copyright protected ©sickandsound