THE ULTIMATE ALTERNATIVE WORKOUT SELECTION. PART 1

Alternative songs workout. A Perfect Circle, Alter Bridge, Amaryllis, Avenged Sevenfold, Billy Howerdel, Brent Smith, Chevelle, David Draiman, Deftones, Disturbed, Drowning Pool, Fortress, Hail To The King, Kill The Flaw, Lajon Whiterspoon, Limp Bizkit, Maynard James Keenan, Mer De Noms, Miles Kennedy, Mudvayne, Nothing More, Papa Roach, Pete Loeffler, Sevendust, Shinedown, sickandsound, songs, Staind, Stone Sour, The End of All Things to Come, The North Corridor, The Sickness, The Ultimate Alterative Workout Selection, Top alternative metal songs, 15 brani alternative allenamento

THE ULTIMATE ALTERNATIVE WORKOUT SELECTION.

15 brani alternative da playlist spacca allenamento.

 

 

 

 PARTE PRIMA

 

1. Sevendust – Not Today

2. Disturbed – Down With The Sickness

3. Avenged Sevenfold – Nightmare

4. Shinedown – Enemies

5. Alter Bridge – Addicted To Pain

6. Mudvayne – Not Falling

7. Chevelle – Door To Door Cannibals

8. A Perfect Circle – Judith

 

 

  PARTE SECONDA

 

 

9. Deftones – Bloody Cape

10. Drowning Pool – Sinner

11. Limp Bizkit – Rollin

12. Papa Roach – Face Everything And Rise

13. Staind – Eyes Wide Open

14. Stone Sour – Absolute Zero

15. Nothing More – Go To War

 

 

 

PARTE PRIMA

 

 

 1. Sevendust – Not Today

 

Dall’undicesimo e ultimo album in studio dei Sevendust, Kill The Flaw del 2015. Brano aggressivo e ariete da sfondamento come secondo singolo estratto dall’album in linea con le sonorità tipicamente Sevendust e la potenza infallibile del loro frontman Lajon Whiterspoon. Una delle tracce più emblematiche per impatto sonoro, e uno dei brani più forti del disco, ultra memorizzabile e travolgente. Riff in distorsione affamati aprono e chiudono le fauci assieme alle distorsioni vocali in mid range growl e screaming scivolando sulla voce pulita e catchy chorus a pioggia per spegnere i momenti heavy più infuocati. Un brano stupefacente diluito in 10 ml di adrenalina endovena.

 

 

2. Disturbed – Down With The Sickness

 

Dal debut album in studio dei sei dell’intera discografia dei Disturbed, The Sickness del 2000.  Un pezzo che apre con un accattivante drums pattern e ammiccante sussurrato distorto al quale si uniscono poi giri di chitarra a sostenere l’incalzante ritmo. Clean and clear vocals nelle strofe del brano, cucite a vivo da distorsioni vocali in chiara influenza da Metallica di David Draiman sui ritornelli; growl medio, fry screaming e raspy vocals sono cosparse in tutto il resto dell’unfolding del brano. Come non cantare in sing along il ritornello, è in grado di perforare il cervello.

 

 

3. Avenged Sevenfold – Nightmare

 

Singolo estratto dall’album Hail To The King del 2012. Album che si staglia a pietra miliare della carriera degli Avenged Sevenfold, che a seguito di Hail To The King si scuoiano della propria pelle per rivestirsi di un nuovo mantello degno di una delle più grandiose band del panorama metal americano. Costruzioni super catchy nel brano, dai riff che spingono all’headbanging e la ritmica in drums pattern determinata  e vigorosa. Scivolamento liquido su refrain con voce in clean and clear e chorus melodico memorizzabile, backing keybords sognanti. Assolo fantastico e blast beats considerevoli su altrettanto incalzanti linee di basso. Un brano di una certa intensità e che si staglia tra i migliori del disco, sei minuti di puro godimento.

 

 

4. Shinedown – Enemies

 

Un brano che salta addosso sin dalla sua opening da scuotimento di testa. Appartente all’album Amaryllis del 2012, che è il quarto album in studio degli Shinedown su una discografia di cinque. Che dire di un cantante come Brent Smith, uno dei lead singers più dotati sul piano vocale del panorama hard rock e alternative metal. Timbrica corposa e piena su range vocale ultra ampio dalle note più basse a quelle più alte e una potenza a spreco nella voce distorta. Un brano in linea con il sound di Amaryllis, un disco vigoroso, autoritario che si snoda su una setlist di tracce inarrestabili nella potenza incontenibile e che esplodono per colpire davvero forte e in un lampo. Una traccia che apre e parte in una corsa irrefrenabile per travolgere fino alla fine su sferragliamento di riff che si rincorrono e percussioni che le picchiano a gran ritmo.

 

 

5. Alter Bridge – Addicted To Pain

 

Dall’album Fortress del 2013, quarto dei cinque dischi degli Alter Bridge. Addicted To Pain è uno dei miei brani favoriti assieme alla titletrack Fortress di questo lavoro discografico. Miles Kennedy è una delle voci più sbalorditive del panorama metal con quattro ottave nel vocal range e un pitch vocale altissimo. La traccia uscita come lead single al lancio dell’album, ospita alcune tra le migliori vocals di Miles Kennedy e il massimo dei riff ardenti di Mark Tremonti, che, sguinzagliato fa showcase della sua potenza egemonica nel brano. Una canzone da rocker urlatore e chorus arricchiti di melodico che si gustano a pieno e si ricantano con un certo vigore.

 

 

6. Mudvayne – Not Falling

 

Una delle band che avrei voluto ancora in piena attività. Not Falling è un brano estratto dall’album del 2002 The End of All Things to Come, uno di cinque in studio. Un brano che apre in distorsione vocale devastante e accoglie delle notevolissime, intense e potenti basslines. Emerge evidente il bass slapping alla Mudvayne, di quelli che davvero percuotono forte le corde con la mano. Altrettanto apprezzabili nella traccia sono gli intensi heavy riff su gritty vocals, screaming in tecnica fry e un ritornello orecchiabile.

 

 

7. Chevelle – Door To Door Cannibals

 

Primo singolo estratto dall’album The North Corridor del 2016 e ottavo del power trio dell’alternative metal americano che sguaina la sua arma da offensiva più potente con il suo frontman screamer. Door to Door Cannibals è la traccia con la quale il disco apre senza sprecare tempo sfondando la porta a calci e pestando l’acceleratore su sonorità heavy tutte d’un fiato fino all’ultimo brano. Brano al sapore di grunge graffiante e fry screaming, con riff di chitarra e drums pattern allettanti ad intrecciarsi alle vocals di Pete Loeffler, arrabbiate e aggressive, talmente coinvolgenti da spingere a cantare assieme a lui nel refrain. La traccia include uno dei guitar solo più notevoli del disco nella seconda sezione.  Gli Chevelle sono una seguiti attivamente da SICK AND SOUND, per tutte le recensioni della band visita anche: www.sickandsound.it/category/artists/chevelle .

 

 

8. A Perfect Circle – Judith

 

Uno dei miei brani preferiti degli A Perfect Circle, incluso in Mer De Noms del 2000, uno di tre studio albums, un EP, due raccolte. Una di quelle band che hanno avuto vita breve ma hanno lasciato una profonda impronta, anche dovutamente all’appartenenza di Maynard James Keenan ai Tools. Proprio con Mer de Noms, il cantante si è riassemblato con Billy Howerdel negli A Perfect Circle, successivamente reclutando gli altri membri della band. Judith è un brano spacca ossa. Un pezzo che volge al porsi domande di dubbio e disillusione religiosa. L’unica band che ha affrontato queste tematiche con regolarità e temerarietà sono stati i Creed. Il brano trae la sua forza da un’apertura capace di catturare l’attenzione tirando per i capelli, distorsioni vocali screaming, prepotente graffiato, voce piena densa e compatta, basslines circolari e focus interamente riversato su guitar leads feroci e di natura pulsante. Una dose concentrata di power-riffing, introspezione e teologia racchiusa in uno degli album più strepitosi degli anni 2000.

 

 

 


 

 

 

Per la SECONDA PARTE della Ultimate Alternative Workout Selection su SICK AND SOUND:

www.sickandsound.it/the-ultimate-alternative-workout-selection-part-2

 

 

Per tutte le recensioni su selezioni di brani di SICK AND SOUND:

www.sickandsound.it/category/songs

 

Per tutte le recensioni sui nuovi album di SICK AND SOUND:

www.sickandsound.it/category/albums

 

Per tutte le recensioni sui concerti di SICK AND SOUND:

www.sickandsound.it/category/concerts

 

Per tutte le interviste disponibili su SICK AND SOUND:

www.sickandsound.it/category/interviews

 

 

 

Alternative songs workout. A Perfect Circle, Alter Bridge, Amaryllis, Avenged Sevenfold, Billy Howerdel, Brent Smith, Chevelle, David Draiman, Deftones, Disturbed, Drowning Pool, Fortress, Hail To The King, Kill The Flaw, Lajon Whiterspoon, Limp Bizkit, Maynard James Keenan, Mer De Noms, Miles Kennedy, Mudvayne, Nothing More, Papa Roach, Pete Loeffler, Sevendust, Shinedown, sickandsound, songs, Staind, Stone Sour, The End of All Things to Come, The North Corridor, The Sickness, The Ultimate Alterative Workout Selection, Top alternative metal songs, 15 brani alternative allenamento

 

 

www.facebook.com/sickandsound.it

www.twitter.com/sick_and_sound

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: COPY DENIED! Copyright protected ©sickandsound