TOP METALCORE ALBUMS 2016-2017. PARTE SECONDA

TOP METALCORE ALBUMS 2016-2017 PARTE SECONDA, TOP METALCORE ALBUMS 2016-2017, Trivium - The Sin And the Sentence, August Burns Red – Phantom Anthem, Architects – All Our Gods Have Abandoned Us, Counterparts – You’re Not You Anymore, Asking Alexandria – Asking Alexandria, Converge – The Dusk In Us, Kublai Khan – Nomad, Killswitch Engage - Incarnate, Veil Of Maya – False Idol, Novelists – Noir, Northlane – Mesmer, Make Them Suffer – Worlds Apart, Dead By April – Worlds Collide, Moments – Outlast, END – From The Unforgiving Arms Of God, metalcore, post-hardcore, hardcore, melodic hardcore, melodic metalcore, nu metalcore, The Heart From Your Hate, The Revanchist, Thrown Into The Fire, Betrayer, Sever The Hand, King Of Sorrow, Hero Of The Half Truth, The Frost, Invisible Enemy, Downfall, Gone With The Wind, Gravity, A Match Made In Heaven, Bouquet, No Servant Of Mine, Swim Beneath My Skin, A Memory Misread, You’re Not You Anymore, Into The Fire, Where Did It Go?, Rise Up, Eve, A Single Tear, Under Duress, The Dusk In Us, Trigger, Reptilian, Antpile, The Hammer, 8 Years, Belligerent, No Kin, sickandsound, Top Metalcore albums 2016, Top Metalcore albums 2017, Top Metalcore albums review, album review

TOP METALCORE ALBUMS 2016-2017.

PARTE SECONDA

 

 

 

PARTE PRIMA

 

 1. Trivium – The Sin And the Sentence

2. August Burns Red – Phantom Anthem

3. Architects – All Our Gods Have Abandoned Us

4. Counterparts – You’re Not You Anymore

5. Asking Alexandria – Asking Alexandria

6. Converge – The Dusk In Us

7. Kublai Khan – Nomad

 

 

 

PARTE SECONDA

 

8. Killswitch Engage – Incarnate

9. Veil Of Maya – False Idol

10. Novelists – Noir

11. Northlane – Mesmer

12. Make Them Suffer – Worlds Apart

13. Dead By April – Worlds Collide

14. Moments – Outlast

15. END – From The Unforgiving Arms Of God

 

 

 

     PARTE SECONDA

 

8. Killswitch Engage – Incarnate

 

 

Killswitch Engage Incarnate album, TOP METALCORE ALBUMS 2016-2017, Killswitch Engage, melodic metalcore, metalcore, Jesse Leach, Mike D'Antonio, Joel Stroetzel, Adam Dutkiewicz, Justin Foley, Howard Jones, Alive or Just Breathing, The End of Heartache, As Daylight Dies, Killswitch Engage, Disarm the Descent, Incarnate, Roadrunner Records, Strength of the Mind, Alone I Stand , Ascension, Cut Me Loose, Hate by Design , Just Let Go, Embrace the Journey… Upraised, Quiet Distress , Until the Day, It Falls on Me, The Great Deceit, We Carry On, Overcast, Aftershock, Nothing Stays Gold, Corrin, The Ferret, Best Metal Performance Grammy Award, sickandsound, albums, artistsDa Disarm The Descent del 2013 l’outfit capostipite del metalcore Americano e apribandiera del genere, i Killswitch Engage avevano riaccolto il proprio lead singer storico, il Jess Leach dallo screaming truce e appassionato col suo ritorno dopo Howard Jones. Tornano la rabbia e l’aggressività originali della formazione che mette in atto una costruzione e distruzione del metalcore con il settimo disco, in release nel marzo del 2016 tramite Roadrunner Records, Incarnate .

 

Mettono in atto un assalto all’ascoltatore su ritmica deflagrante, guitar riff impeccabili, reboanti e perfettamente incastrati al martello pneumatico da blast a doppio pedale e delle toste basslines che stritolano la mano alle sorelle di corde di Adam e Joel Stroetzl. Le distorsioni vocali di Jesse Leach sono distintive come lo erano state fino alla dipartita, regalando momenti di clean and clear con una timbrica tuttaltro che scontata ma corposa, distintiva e particolarissima, distintiva nel panorama metal. I Killswitch Engage sfondano il muro sonoro come in apertura con Alone I Stand, regalano anthemic chorus ai propri fan impossibili da non memorizzare all’istante vedi Cut Me Loose, corse sfrenate senza ossigeno (Hate By Design) solo per schiantarsi sul grido finale in Ascension.  Un disco legato da testualità profonde, dovute proprio al master mind delle lyrics, Jesse Leach su variegatura di tematiche come il razzismo o il suicidio.

 

Un disco con pezzi dal tiro micidiale, geniali e orecchiabili  che agli amanti del genere e seguaci della band non solo hanno sbranato, ma hanno digerito all’istante per un nuovo ascolto e un altro ancora.  Che siano denti digrignati o occhi umidi quelli dell’ascoltatore di fronte a ritmiche da pungi in faccia o melodie incantevoli, in entrambi i casi sono perfettamente in fusione ad opera di coloro che hanno plasmato il genere metalcore.

 

L’avanguardia della militia metalcore.

 

Brani suggeriti: Cut Me Loose, Alone I Stand, Hate By Design.

 

Per le mini recensioni di tutta la discografia dei Killswitch Engage  di SICK AND SOUND:   www.sickandsound.it/lavanguardia-della-militia-metalcore-killswitch-engage .

 

 

 

9. Veil Of Maya – False Idol

 

 

Veil Of Maya False Idol, TOP METALCORE ALBUMS 2016-2017, Danny Hauser, Veil Of Maya Doublespeak, Veil Of Maya, Veil Of Maya band, False Idol, Lukas Magyar, Marc Okubo, Danny Hauser, Sam Applebaum, All Things Set Aside, The Common Man's Collapse, [id], Eclipse, All Things Set Aside, The Common Man's Collapse, [id] , Eclipse, Matriarch, False Idol, Sumerian Records, Veil of Maya last album review, Veil of Maya last song review, metalcore, deathcore, djent, progressive metal, sickandsound, song review, artists, listen to latest album by Veil of Maya, Lull, Fracture, Doublespeak, Overthrow, Whistleblower, Echo Chamber, Pool Spray, Graymail, Manichee, Citadel, Follow Me, Tyrant, Livestream

False Idol, dello scorso Ottobre 2017 in release tramite Sumerian Records e sesto album della formazione metalcore, deathcore e djent del panorama statunitense Veil Of Maya. Secondo disco con la partecipazione del nuovo cantante Lukas Magyar, lo strepitoso lead singer che adotta una linea vocale in clean and clear incorporata a laceranti screaming e growl. Un personaggio che accanto al genio del songwriting della formazione, il chitarrista Mark Okubo, nel disco sfonda ogni muro del suono perforando arrangiamenti blindati con le sue distorsioni vocali tormentate e sciogliendo ogni tensione rabbiosa nel range pulito della sua voce su momenti di narrazione atmosferica e chorus orecchiabili e ricantabili. Durissime e granitiche linee di basso trascinano le tracce, insieme a un riffing spietato e una ritmica robusta. Sono arrangiamenti in deflagrazione che lasciano abbandonarsi su  melodie luminose nei break down incantati e surreali che solo i Veil Of Maya sanno eseguire con lo stesso trasporto. Linee melodiche fini ed eleganti si disciolgono in elisir sonoro nel rancore oscuro e rabbioso che circonda le tracce.

 

L’allure della melodia avvolge passaggi dannati e regala una experience in the dark unica.

 

Brani suggeriti: Fracture, Overthrow, Doublespeak, Follow Me, Manichee.

 

Per la recensione track by track di SICK AND SOUND:  www.sickandsound.it/veil-of-maya-false-idol-melodie-luminose-nelloscurita-sonora-dellego.

 

 

10. Novelists – Noir

 

 

Novelists Noir album, TOP METALCORE ALBUMS 2016-2017, Novelists , Novelists band, Arsing Empire, SharpTone Recors, Demo EP, Gravity single, Souvenirs, The Light The Fire single, Noir, Novelists noir album, sickandsound, metalcore, progressive metal, progressive metalcore, djent, melodic metalcore, Listen to Novelists latest song, Matteo Gelsomino, Florestan Durand, Charles-Henri Teule, Nicolas Delestrade, Amael Durand, Novelists Noir album tracklist, L’Appel du Vide, Monochrome, Under Different Welkins, Les Nuits Noires, Grey Souls, A Bitter End, Stranger Self, The Light The Fire, Joie de Vivre, Lead The Light, À Travers le Miroir, Heal The Wound, Song Of The Week, Weekly Playlist, Top 10 Songs Of The Week, metalcore bands, Listen To Novelists Noir, Stream novelists Noir, Novelists Noir album review, Novelists Noir review, Listen to Novelists latest album, album review, metalcore album reviewUno dei migliori album metalcore indiscussi del 2017, Noir, della formazione parigina Novelists. In uscita nel Settembre 2017 tramite Arising Empire / Sharp tone Records.

 

Accoglie tracce che nel nero di cui si caricano aprono ad un ascolto oscuro e drammatico, ma infondono anche armonia tingendosi di una pennellata melodica e luminosa. Sono brani ultra orecchiabili, che chiedono ascolti multipli in dipendenza totale dell’ascoltatore spinto a un inguaribile headbanging in tracce come A Bitter End, Grey Souls, all’incanto totale di una miscela perfetta di pace e rabbia con l’opener Appel Du Vide. Impossibile sfuggire al sing along di anthemic chorus come in The Light The Fire, lead single dell’album. Un lavoro eccezionale e squisito quello dei Novelists, sulla timbrica pulita più perfetta di Matt Gelsomino con linee vocali multiple in alcune sezioni, in lacerazione delle sue distorsioni vocali pungenti e abrasive. Noir accoglie arrangiamenti dal groove travolgente e blast beats al massimo del gusto metalcore, guitar riff stoppati, fragorosi e fantastici a volte in armonia, a volte in contrasto, ma sempre in incastro perfetto. Non mancano linee di basso plutoniche come comanda il genere. Metalcore liquido esala la sua rabbia e aggressività ma si sfuma tra le ceneri del suo fuoco con inserti melodici che lo spengono, e tingono l’atmosfera di fumo. Squisito.

 

Brani suggeriti: L’Appel Du Vide, Les Nuits Noires, A Bitter End, Grey Souls, The Light The Fire, Heal The Wound.

 

Per la recensione track by track di SICK AND SOUND:  www.sickandsound.it/novelists-noir-luragano-metalcore-turbinio-seducenti-oscure-melodie-dellanima .

 

 

 

11. Northlane – Mesmer

 

 

Northlane Mesmer album, TOP METALCORE ALBUMS 2016-2017, Northlane, metalcore, progressive metalcore, progressive metal, Jon Deiley, Josh Smith, Alex Milovic, Nic Pettersen, Marcus Bridge, Discoveries, Singularity , Node, Mesmer, Listen to Northlane last song, Colourwave,Top 10 Songs Of The Week , weekly playlist, playlist, hard rock and metal songs selection, sickandsound

Quarto album in studio dei Northlane, band metalcore e progressive metal australiana, pubblicato lo scorso  marzo 2017 tramite UNFD.

 

Un album concettuale, il cui nome è ispirato al medico tedesco Franz Anton Mesmer, capostipite dell’omonimo mesmerismo e dell’ipnosi terapeutica. Mesmer si dedicò alla fine del 700 allo studio del magnetismo elaborando teorie a partire da quello animale, reputando che il libero flusso magnetico ed energetico nell’essere umano sarebbe in grado di influenzarne lo stato di salute (la traccia Heartmachine riflette questo modello sul funzionamento del cuore umano). A questo si sono ispirati i Northlane, attraverso l’introspezione, perno della band e le molteplici tematiche che con lyrics impegnate attraversano il disco esplorando gli aspetti dell’esistenza umana dalla perdita (Paragon) alla depressione, all’impegno etico, l’atto della creazione (Colourwave), la società (Savage). Titoli ammalianti per le proprie tracce, annunciano il contenuto di  ogni pezzo straordinario nel disco. I Northlane riescono con Mesmer ad avvolgere l’ascoltatore con un alone seducente e magnetico. Il disco si divincola fra aggressività e poesia, in sperimentazione sonora verso aspetti melodici e alternative. Rispetto al precedente Node del 2015, la heaviness dei Northlane è in scivolamento verso il melodic metalcore. Un solido riffing a cura di entrambe le chitarre è in grado di regalare in questo disco, momenti di esaltazione e agitazione in totale frastuono con sfumatura su passaggi di calma e delicata serenità (la pulita e arpeggiata Solar). Energia e vigore nelle percussioni, scandiscono il battito di un album profondo dove non manca del synth  come non mancano intensi break down, e linee di basso massicce e gloriose come in Paragon, dove il richiamo è molto forte ai Veil Of Maya. Bello e dannato nelle vocals, l’eccezionale Marcus Bridge, picchia e accarezza con le numerose sfaccettature della sua voce dal clean allo screaming più brutale, al graffiato, al registro più alto e perforante della sua timbrica domata a puntino.

 

Un album altamente espressivo e coinvolgente, profondo nelle mille sfumature della propria arte convogliata con passione vissuta e comunicata fino all’ultima nota.

 

Corpi biomeccanici con cuore umano.

 

Brani suggeriti: Citizen, Colourwave, Heartmachine, Render, Paragon.

 

 

 

12. Make Them Suffer – Worlds Apart

 

 

Make them Suffer - Worlds Apart, TOP METALCORE ALBUMS 2016-2017, Make Them Suffer, Worlds Apart, Sean Harmanis, Nick McLernon,Tim Madden, Jaya Jeffery, Booka Nile, Neverbloom, Old Souls, Top 10 Songs of The week, playlist, weekly playlist, sicknandsound, metalcore, deathcore, Rise RecordsCollezione di dieci brani ad opera di un’altra band metalcore australiana, i Make Them Suffer con Worlds Apart, il terzo album in studio in release lo scorso luglio 2017 tramite Rise Records.

 

Siamo al cospetto di una formazione appartenente alle frange più pesanti del metalcore. Dal debutto deathcore cosparso di blackened del disco Neverbloom, le sonorità dei Make Them Suffer si sono attutite in questo album lasciando la mano al death, per vestirsi di gotico, sinfonico, ambient e onirico grazie alla presenza alle notevoli backing vocals con ausilio di tastiere della musicista Booka Nile, in intreccio fatale con le distorsioni vocali e il cantato di un colleroso Sean Harmanis. L’aspetto evanescente e sinistro è un aspetto unico che contraddistingue il sound dei Make Them Suffer e li isola da ogni altro rivale dello stesso soundscape e la linea dell’haunting è conduttrice dell’intero disco. Un album melodrammatico che apre con inquietudine e tensione sulla opener The First Movement, seguita con charme e stregoneria magica sul tintinnio di Uncharted, strappa la pelle su Grinding Teeth e un arrangiamento nevrotico calato nel black. Pezzi roventi e rabbiosi su ritmica mitragliante e guitar riff che aprono e chiudono fauci sul cantato lacerantissimo, Vortex o le infernali Midnight Run, Dead Plains, Save Yourself. Le contaminazioni synth ed elettronica sono largamente impiegate come in Contact, un pezzo senza nessun elemento metal ed esclusivamente electro da battito cardiaco attutito. In Power Overwhelming l’elettronico è fuso all’aspetto metallico dello strumentale in incastro geniale.

 

Sean Harmanis lacera con una varietà di distorsioni vocali dal mid range growl, alla tendenza gutturale e fry screaming appoggiato in altezza perforante, KVLT screaming e graffiato a volontà lasciando alla compagna d’armi Booka Nile, il cantato etereo e pulito.

 

Un disco su mood dolce amaro, oscuro e decadente.

 

Brani suggeriti: Grinding Teeth, Uncharted, Vortex, Save Yourself.

 

 

 

13. Dead By April – Worlds Collide

 

 

Dead By April Worlds Collide, Spinefarm Records, metalcore, melodic death metal, Listen to Dead By April Worlds Collide, Stream Dead By April Worlds Collide, Dead By April Worlds Collide album, Dead By April Worlds Collide album review, Dead By April Worlds Collide review, sickandsound, album review, Jimmie Strimell, Marcus Wesslén, Marcus Rosell, Pontus Hjelm, 2009 – Dead by April, 2011 – Incomparable, 2014 – Let the World Know, 2017 – Worlds Collide

Worlds Collide è il quarto album in studio dell’outfit svedese Dead By April, in release lo scorso aprile 2017 tramite Spinefarm Records.

 

Un disco che fa largo uso di synth ed elettronico in combinazione esclusiva con il cantato pulito e armonizzazione vocale, incastrato a cubo di Rubik nelle sezioni di metalcore dove l’heaviness fa da regina indiscussa con riffing fragorosissimo e blast beats che sparano proiettili d’argento. Questa band ferisce a sangue nei pezzi più spaccaossa e crea un ambient elettronico onirico sin dal pezzo di apertura Crying Over You, dove questo binomio è evidente. Il brano opener è anche intriso di pop plastico e abbondante melodico. Prepara per la successiva I Can’t Breathe, con chorus memorizzabile e in grado di riscuotere un sing along da arena. Un pezzo bello e accessibile in sperimentazione electro synth, con martellante ritmica e riffage dove la miscela distorsioni vocali pungenti-pulito e aggressivo-melodico è in fusione liquida. Il disco ospita tracce dove il muro di chitarre è blindato e quello delle sezioni di batteria aggrovigliato e impenetrabile, lo screaming è abrasivo e perforante. È il caso di This Is My Life. Traccia perno della brutalità di un album che finora l’aveva miscelata in un blend senza spigoli, è un pezzo d’assalto dove le harsh vocals sono il carro armato in high screaming lacerantissimo, keybords ed elementi ambient chimerici ed avvolgenti nel retro. Il massimo del voltaggio nel lavoro di corde e di pelli. Un pezzo assurdo dove anche la testualità si mostra più matura.  Stritolano la mano alla stessa heaviness di base in contorsione fra passaggi più melodici Playing With Fire, Warrior, Can You See The Red. Un’inserto nella collezione di brani è la rock ballad Perfect The Way You Are, e un ultimo brano di chiusura dove un cantante e attore svedese dalle grandi doti canore, Tommy Körberg, conduce esclusivamente il cantato sullo strumentale dei Dead By April e regala una performance unica nell’album.

 

Electro metalcore allo stato più puro della materia.

 

Brani suggeriti: I Can’t Breathe, Playing With Fire, Breaking Point, Our Worlds Collide, This Is My Life.

 

 

14. Moments – Outlast

 

 

 

Moments Outlast album, TOP METALCORE ALBUMS 2016-2017, Moments, Moments band, Listen to Moments Outlast EP, Moments Outlast EP, Moments Outlast review, Recensione Moments Outlast, Moments Outlast, sickandsound, metalcore album review, stream Moments Outlast EP, metalcore, hardcore, melodic hardcore, Dries Monsieurs, Jeffrey Beutels , Gert-Jan Vandervoort , Benjamin Hendrickx, Kristof Fransen, Modern Day Life , Hopes & Dreams, Dreambound Records, Tessenderlo, melodic hardcore band from Belgium, metalcore band from Belgium, Ouroboros, What If, All It Takes, Crossroads, Our Faults Our Failures, House Of Habits, latest album by Moments, MomentsBEOutlast, ultimo EP e terzo disco di una formazione metalcore dal Belgio, che si staglia anche nel soundscape melodic hardcore, i Moments. Sono contraddistinti da features uniche in quanto a catchy chorus, una forza impetuosa nell’esecuzione alle pelli, energia inarrestabile alle corde e furia vocale allo stato più bruto. Sono elementi che si fondono a melodie che fluiscono liquide negli arrangiamenti e in grado di smorzare la forza impetuosa dei brani che le contengono. I Moments conducono una battaglia impavida su lyrics impegnate fra melodia ed heaviness. Chitarre reboanti e riff stoppati sono inghiottiti dalla profondità e intensità di linee di basso piombate, mentre la batteria pulsante si avventa su di essi coi suoi blast. Basta un solo ascolto a questa selezione di 5 brani per regalare una degna nota di merito alle chitarre dei Moments il cui lavoro su riff virtuosissimi, ricchi ed intricati è ad incastro impeccabile nel songwriting. Se volete allargare la vostra conoscenza metalcore con una band stupefacente, prestate il vostro orecchio a questo EP la cui delivery in pochi brani è trainata da una forza indomita, una tecnica superba di tutti i componenti.

 

Un lavoro in collisione dei sensi fra melodia ed heaviness che prepotente chiede la rivisitazione delle tracce dalle quali si sviluppa una dipendenza estatica.

 

Brani suggeriti: What If, All It Takes, Our Faults Our  Failures.

 

Per la recensione track by track di SICK AND SOUND:   www.sickandsound.it/spietato-arsenale-hardcore-dal-flair-melodico-moments-outlast-ep.

 

 

 

15. END – From The Unforgiving Arms Of God

 

 

 

END The Unforgiving Arms Of God, TOP METALCORE ALBUMS 2016-2017, END, End band, From the Unforgiving Arms Of God EP, End - From the Unforgiving Arms Of God, metalcore, deathcore, mathcore, hardcore, sickandsound, album review, End debut album review, Listen to End From the Unforgiving Arms Of God, Stream End From the Unforgiving Arms Of God, Brendan Murphy, Counterparts, Will Putney, Fit For An Autopsy, Gregory Thomas, Misery Signals, Jay Pepito, Reign Supreme, Andrew McEnaney, Structures, Good Fight Music, Chewing Glass, Usurper, Love Let Me Die, From The Unforgiving Arms of God, Necessary Death , Survived By Nothing

Un EP di debutto degli END, un supergruppo da denti serrati, che vede combinati cinque musicisti dei gruppi più spaccaossa del soundscape metalcore, deathcore e hardcore dagli States. Con lo stesso cantante dei Counterparts Brendan Murphy, Will Putney chitarra dei Fit For An Autopsy insieme al chitarrista Gregory Thomas dei Misery Signalsm, Jay Pepito dal basso dei Reign Supreme e il batterista degli Structures, Andrew McEnaney. From The Unforgiving Arms Of God è selezione di sei brani dove una rabbia selvaggia non accostabile in minima parte all’umano fa da regina.  Un’indomabile forza sonica intrisa di odio e disprezzo per la società moderna è inoculata all’interno delle lyrics dei brani, e viene liberata all’esterno dalla ferocia dello strumentale. Tracce che scatenano l’havoc totale su groove micidiale e distorsioni vocali che chiamano alla distruzione di massa. La ritmica generata dal lavoro di pelli è indiavolata e pesta dannata a passo spedito nei brani, per mano in caduta libera con il riffing vigoroso, tecnico e talvolta stregato all’ascolto. Un disco breve e dinamico, che non lascia vero spazio al melodico armonioso ma che concede solo una tregua miscelando la brutalità a quel passaggi placati ma ossessionanti e sinistri.

 

Introduzione e distruzione sonora agli END.

 

Brani suggeriti: From The Unforgiving Arms of God, Necessary Death, Survived by Nothing.

 

Per la recensione track by track di SICK AND SOUND:  www.sickandsound.it/end-from-the-unforgiving-arms-of-god-caos-incarnato-si-leva-fra-comuni-mortali .

 

 

 

Per la prima parte della selezione TOP 15 METALCORE ALBUMS 2016-2017: www.sickandsound.it/top-metalcore-albums-2016-2017-parte-prima

 

 

 

[amazon_link asins=’B0752ZWPJC,B074NVDKD9,B01DY2YXXK,B073R65NCM,B076N7H58S,B074KX3L1Z,B0765GPY9N,B01EKMI6X6,B075D678P3,B073WH79W1′ template=’ProductCarousel’ store=’e0517-21′ marketplace=’IT’ link_id=’d963187f-f45f-11e7-b2ff-5d08fe26c26d’]

 

[amazon_link asins=’B071KHHBQ7,B0721LL9TZ,B01MR7HYIQ,B072HNZYTD,B074N8775V’ template=’ProductCarousel’ store=’e0517-21′ marketplace=’IT’ link_id=’f9492472-f45f-11e7-8343-616248558927′]

 

 

Per tutte le recensioni dei nuovi album di SICK AND SOUND:

www.sickandsound.it/category/albums

 

Per tutte le recensioni sui concerti di SICK AND SOUND:

www.sickandsound.it/category/concerts

 

Per tutte le interviste disponibili su SICK AND SOUND:

www.sickandsound.it/category/interviews

 

 

 

TOP METALCORE ALBUMS 2016-2017 PARTE SECONDA, TOP METALCORE ALBUMS 2016-2017, Trivium - The Sin And the Sentence, August Burns Red – Phantom Anthem, Architects – All Our Gods Have Abandoned Us, Counterparts – You’re Not You Anymore, Asking Alexandria – Asking Alexandria, Converge – The Dusk In Us, Kublai Khan – Nomad, Killswitch Engage - Incarnate, Veil Of Maya – False Idol, Novelists – Noir, Northlane – Mesmer, Make Them Suffer – Worlds Apart, Dead By April – Worlds Collide, Moments – Outlast, END – From The Unforgiving Arms Of God, metalcore, post-hardcore, hardcore, melodic hardcore, melodic metalcore, nu metalcore, The Heart From Your Hate, The Revanchist, Thrown Into The Fire, Betrayer, Sever The Hand, King Of Sorrow, Hero Of The Half Truth, The Frost, Invisible Enemy, Downfall, Gone With The Wind, Gravity, A Match Made In Heaven, Bouquet, No Servant Of Mine, Swim Beneath My Skin, A Memory Misread, You’re Not You Anymore, Into The Fire, Where Did It Go?, Rise Up, Eve, A Single Tear, Under Duress, The Dusk In Us, Trigger, Reptilian, Antpile, The Hammer, 8 Years, Belligerent, No Kin, sickandsound, Top Metalcore albums 2016, Top Metalcore albums 2017, Top Metalcore albums review, album review, metalcore bands, metalcore albums 2016 2017 review

 

 

www.facebook.com/sickandsound.it

www.twitter.com/sick_and_sound

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

error: COPY DENIED! Copyright protected ©sickandsound